username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Moto perpetuo

Oscillo tra le tenebre e la luce
nel vuoto senza tempo
Viaggio in un vagone foderato
col piombo delle incertezze
E quanta gente, fantocci
di niente, dissolti nella mente

Oscillo tra inferni e paradisi
in un brodo primordiale
spinto da una mano invisibile
nell'altalena dell'assurdo
Mi muovo ma son fermo
perchè spazio non ce n'è.

 

4
7 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 29/09/2012 15:24
    toccantemente bella, bravo come sempre!
  • Rocco Michele LETTINI il 29/09/2012 10:01
    HO SCORSO DUE SESTINE DI TOCCANTE REALTA'... FORGIATE DA ELOQUENTI CONSIDERAZIONI...
    IL MIO PLAUSO VINCENZO
  • Anonimo il 29/09/2012 07:55
    Per pranzo ti suggerirei questo menu: Anellini in brodo primordiale, bistecca all'incertezza con foglie d'assurdo e per finire un bel caffè dell'invisibile... magari ti faranno girare una scena a pagamento nel paradiso!

    Un moto altalenante che conosco molto bene anch'io, ma che penso sia comune alla umanità intera. Un movimento che, apparentemente, si compie da un punto all'altro, ma secondo me si sposta progressivamente in avanti.
    Bella poesia Vincé!

7 commenti:

  • Anonimo il 30/09/2012 08:17
    Sposo il commento di Capitanucci.

    Bellissima e molto significativa.
  • loretta margherita citarei il 29/09/2012 16:00
    sempre bravo è un piacere leggerti
  • augusta il 29/09/2012 13:37
    la chiusa è meravigliosa...
  • silvia leuzzi il 29/09/2012 11:07
    Il moto perpetuo dell'inerzia di una depressione globale alla quale comunque ci ribelliamo... ma rimaniamo immobilizzati dalla mancanza di spazi... bella veramente Vincè ciao
  • giuseppe gianpaolo casarini il 29/09/2012 09:46
    Bella e intensa descrizione
  • Anonimo il 29/09/2012 08:18
    Se non ti stancherai di cercare, spazio in TE, nonostante tutto, potrai trovarne tanto e bem abitato. Io ne sono CERTA, nonostante la tua profonda sfiducia nella vita che ovviamente deve avere motivi seri e profondi. Ti auguro fervidamente di affrontarli e distruggerne tutta la nefasta negatività.
  • Vincenzo Capitanucci il 29/09/2012 07:44
    quanta gente porto con me in questo treno di incertezze... della mia mente... oscillante fra inferni e paradisi... fino all'unità dell'uno... dove fra ogni essere.. non esiste più spazio ma unità d'intenti...

    Molto bella Vincenzo... mi muovo.. ma son fermo.. in un moto perpetuo girante su l'asse di sè stesso...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0