PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Scrivo nella notte (alla signora insonnia)

l'irresistibile invito della notte inoltrata,
con l'intenso silenzio dolce e rassicurante,
ancora sveglia mi trova alla sua folle chiamata,
insonne, pensierosa e alquanto titubante.

nel buio solamente qualche rosso puntino,
minuscolo moderno faro sempre acceso,
a guidare il mio passo incerto e ballerino
e un foglio ancora bianco che sembra avermi atteso.

nella mente mille idee, centinaia di parole,
in attesa di sbocciare al primo sorgere del sole,
la sottile sana invidia per chi dorme beatamente
lascia il posto ad un'amica chiamata "arte" dalla gente.

l'assenza dell'ansia così frena una lancetta,
in un tempo più disteso e deprivato della fretta.
e incedono l'ore notturne nella cara compagnia
di quelle familiari venti righe di poesia.

alla signora insonnia un solo merito riconosco:
mi regala i bei momenti creativi e sibillini
e io scrivo nelle tenebre come in un fitto magico bosco,
finché fuori appaiono timidi i primi raggi mattutini.

 

0
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 29/09/2012 14:36
    DILIGENTEMENTE E MAGISTRALMENTE DECANTATA LA SIGNORA INSONNIA... AMORE E DOLORE DE LA NOSTRA NOTTE...
    LA MIA LODE MARINA
  • Antonio Garganese il 29/09/2012 14:17
    Non so se la tua possa essere chiamata arte ma è certo una voglia di esprimersi che va incoraggiata, anche d giorno.

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0