username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

La nuit

È notte
Di Morfeo è il desiderio
Oziamo nel sonno come figure indiscrete
Poco vittime oramai di adulterio
Danziamo incoerenti come calde crete
Nella sommità della notte è lo sguardo
Della luna che parla e tace
Di una momento dal fato gagliardo
Di un futuro che è pace

È notte
Nelle tue labbra pungenti
Nei capelli sparsi
Nelle mani imponenti
Negli occhi arsi

È notte
Dormiamo distanti ma insieme
Baciamo le belle mani danzanti
Coltiviamo l'empietà del nostro seme
Abbagliati son i re e i fanti

È notte
E tutta la natura è scura come pece
Beato colui che pensò l'amore e lo fece

 

4
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • marcello moiso il 19/02/2013 09:47
    La quiete di due amanti assopiti dopo l'amore, quel piccolo margine che separa i due "dopo". Se ne percepisce la sospensione..
    Un lieve senso di colpa?
    Una bella lettura.
  • Rocco Michele LETTINI il 29/09/2012 15:29
    UNA CHIUSA D'INCANTO... A CORONA DI UN SUBLIM VERSEGGIO...
    LA MIA LODE ANTONELLA

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0