PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La partita di calcio

Cala la notte sull'aspro terreno
ove si cela l'estesa dimora
mentre uno svelto e lucente baleno
rischiara il campo, come l'aurora.

La folla appare, lo stadio è pieno
com'una fiera che rugge e divora,
vessilli al vento, s'avverte il veleno
dell'acre fumo che i volti scolora.

Lesti i guerrieri che formano scie
fra tanti sforzi, poi l'umida sfera
dipinge l'aria d'assurde follie.

Il trillo fissa la regola vera,
genera e move le finte euforie
poi sempre volte all'umana bufera.

Tale affresco dell'era
mai sia stimato un'epica tenzone
ma un cammino che la vita dispone.

 

4
5 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 29/09/2012 18:39
    Una partita di calcio metricalmente vincente... nella musicalità e nel rimato alterno...
    IL MIO PLAUSO SERGIO

5 commenti:

  • augusta il 25/02/2013 09:59
    bravo i miei complimenti... 1 beso
  • mauri huis il 20/10/2012 12:12
    Bellissimo sonetto Sergio, regolarissimo e spontaneo allo stesso tempo, che dimostra tecnica ormai collaudata e ispirazione di pari livello. Solo la coda mi sembra un po' fiacca rispetto al resto, ma non è colpa di quella, ma piuttosto del resto che è veramente forte. Complimentos. Maurizio
  • Don Pompeo Mongiello il 01/10/2012 11:02
    Molto piaciuta ed apprezzata questa tua veramente tanto bella!
  • loretta margherita citarei il 29/09/2012 19:20
    bellissima complimenti
  • Anonimo il 29/09/2012 16:52
    originalissima e ben scritta letta molto volentieri... molto bravo