PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Quel tempo

È in giornate come queste che mi vieni a trovare
quando sole esce timido ad asciugare un pianto
allora arrivi tu da lontano riconosco il tuo passo
le tue gambe lunghe i tuoi capelli bianchi
e la ruga sulla fronte quel tuo gesticolare
e muovere la mano
È in giorni in cui ottobre ha dato da bere ai campi
che crescono i funghi alla base dei pioppi o sotto le querce
tra i pini nel sottobosco in quei posti che solo tu sai
un segreto
li sai distinguere tutti ad uno ad uno quelli brutti ma buoni
quelli belli ma sono i più pericolosi ingannano l'occhio
sono i più velenosi
si nascondono sotto le foglie e trovarli è sempre una gioia
un'esclamazione di stupore
li raccogli con delicatezza li tratti con dolcezza
li sai cucinare e mettere sott'olio con cura e pazienza
come se mettessi a letto dei bambini
forse rimpiangi quel tempo che non hai avuto
per poter stare con noi
preoccupato a portarci da mangiare e inseguito
dal dovere e dalla fatica
quel tempo che ci porta via
ma la domenica no quella era una festa
Il bastone intagliato e gli stivali di gomma al ginocchio
il coltellino e il pennello
il cestino di vimini intrecciato
le cassette di compensato
ed io aspettavo in macchina il tuo ritorno
avevo paura che ti perdessi fra quegli alberi
che non tornassi più
Ha piovuto babbo la terra è bagnata odore di funghi
chissà se mi vedi da lassù

 

0
3 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 01/10/2012 18:04
    La figura paterna ricercata con amorevole devozione... sempre presente ne gli attimi bui del quotidiano vivere...
    LA MIA LODE LAURA... CIAO
  • Michele Giuliano il 01/10/2012 14:40
    Nostalgico ricordo della figura paterna.
    Un padre cercato nella fanciullezza, non goduto. Preso dai priamri impegni del procurare sostentamento. E la domenica! Un giorno intero per stare insieme a raccoglier funghi. La pioggia di Ottobre fa riaffiorare odore di vissuto!! Bella.
  • Antonio Garganese il 01/10/2012 14:32
    Il tuo scritto mi ha inchiodato per il sentimento che ci hai messo e la descrizione viva e vera che lo compone. Tante cose vorremmo fare ed alcune non sono possibili. Non so se basta il ricordo ma di più non si può e si deve comunque continuare. Magari sorridendo.

3 commenti:

  • Don Pompeo Mongiello il 02/10/2012 07:25
    Molto piaciuta ed apprezzata davvero questa tua tanto tanto bella!
  • loretta margherita citarei il 01/10/2012 19:39
    molto bella complimenti
  • Anonimo il 01/10/2012 19:30
    Mi ha dato i brividi... tremendamente bella. Tra pochi giorni è l'anniversario della morte di mia madre... è passato già un anno ma, sembra ieri ed anch'io ho nella memoria tanti ricordi che di tanto in tanto accarezzo dolcemente. Sei molto brava!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0