accedi   |   crea nuovo account

Il meglio di Sè

Travolta da lussuria
e godimento,
profumi di libido
e sensi in volo,
donò la parte
nobile di Sè;
il culo.

L'amena affermazione
nello scritto,
trovò consensi,
ovvero
malumuri,
tra schiere di "Poeti"
e pensatori.

E nella tomba
si adirò la Nobildonna.

Che cazzo dice
la giovane scrittrice,
fomenta forse
che lo eccelso "conio"
sia fonte di libido in libertà,
non già di vera nobiltà?

Il sesso
lo si vive a modo proprio,
ed anche, se volete
a modo improprio;
se piace e fa godere,
il culo lo si può
anche donare,
ma sempre
nella privacy totale.

E però,
milioni di "Poemi" sull'Amore,
baci ardenti
su frementi "Fiori",
labbra vermiglio
ad accendere gli ardori,
alcove pregne
di carnali "odori";
soavi alle narici.

E mai,
odori del nobile "fardello"
del quale
parla la scrittrice

 

2
2 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 04/10/2012 07:24
    Sublime nel suo complesso, ma ancora una volta la parolaccia ha fatto la sua parte.
  • Michele Giuliano il 02/10/2012 11:02
    Mirabile risposta!!!
    Riporta il discorso alle... origini
    pur sempre nel rispetto del "lo si vive a modo proprio"
    La discussione si potrebbe continuare con altri modi siano essi propri o impropri!!!

2 commenti:

  • stella luce il 03/10/2012 20:53
    ... che dire... condivido i tuoi versi nel dire che l'amore si faccia come meglio lo si vuole... nel rispetto della propria privacy... per il resto come dice Michele vi sarebbe da dire verso ogni direzione...
  • Anonimo il 02/10/2012 12:11
    Qualcuno è libero di chiamarla poesia, magari del genere umoristico, io non ci riesco proprio...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0