username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Genesi e dintorni

Dal pleistocene mi scrive il mio amico
circa un quesito, mio, un po' impertinente,
che lui, di Adamo, di Eva e un Serpente
che li tentò, non sa proprio un bel fico!

E dice pur, dopo averlo già letto,
quel tomo antico che gli ho fatto avere,
che sol chi cogita col suo sedere
potrebbe credere a ciò che v'è scritto.

Dice che non dovrei prenderlo in giro
solo perché non ha smartphone e google
e che se proprio ho bisogno di bùbole
mi manda lui qualche vecchio papiro.

Tanto, fandonie e storie d'incesti
son sempre state e saranno di moda:
c'eran che l'uomo aveva la coda
e ci saranno anche quando avrà vesti.

Dice che pur Dostoevskij ha già scritto
facendo dire a quel suo Smerdjakòff
(ed in maniera tutt'altro che soft
visto che il servo bastardo era un guitto)


che nella genesi l'incongruenza
è tale che la vedrebbe un imbelle
visto che è stata la luminescenza
creata prima di sol, luna e stelle.

Sono rimasto piuttosto stupito
(che non sapevo sapesse di Fiodor)
quanto a quel libro, sì poco erudito,
gliel'ho mandato per battere il chiodo

finchè era caldo e verificare
al di là delle mie stesse credenze
se, andando oltre a ciò che a me pare,
per caso avesse, lui, testimonianze

di prima mano che un po' mi aiutassero
in questa disputa su anima e vita
e confermassero oppure smontassero
questa dottrina contorta e infinita.

Non te la prendere amico remoto
non ti volevo, no, prendere in giro
è che t'invidio quel tuo mondo vuoto
senza nemmeno una carta e una biro.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

5 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Raffaele Arena il 23/12/2012 19:19
    Ogni libro ha la sua storia e la Bibbia che è arrivata a noi non è quella originale. Alcuni manoscritti antichi sono stati ritrovati nelle profondità degli oceani, e se si vuol capire qualcosa del mondo, bhe, la letteratura scientifica è sicuramente di gran lunga pìù esaustiva di certi libri definiti "sacri". Libro sacro è un termine falso quando l'interpretazione di questo libro incita, per alcuni fondamentalisti, alla violenza e alla guerra preventiva. Poesia superlativa.
  • Don Pompeo Mongiello il 05/10/2012 10:40
    Molto apprezzata e piaciuta questa tua straordinaria davvero!
  • Rocco Michele LETTINI il 02/10/2012 14:46
    HO PLAUDITO LA TUA CREATIVITA'...
    HO ELOGIATO IL TUO HUMOUR...
    HO ENCOMIATO LA TUA RIMA ALTERNA...
    UN TUTTO IN UNO... DILIGENTEMENTE FORGIATO...
    IL MIO
    MAURIZIO
  • Anonimo il 02/10/2012 14:22
    divertente e riflessiva, davvero originale e ben scritta, fra i preferiti, bravissimo
  • senzamaninbicicletta il 02/10/2012 12:05
    una poesia in rima che ha tantissime qualità e pregi: significato, ironia e tanta cultura. Bellissima

12 commenti:

  • Mara il 03/03/2013 09:19
    Piaciuta anche questa... da non credente, come te, nel rispetto di chi ha fede. Mauri, aver fede è una questione di cuore non di testa... cos'ì come l'amore.
  • Moni Flà il 04/12/2012 03:48
    "sol chi cogita col suo sedere
    potrebbe credere a ciò che v'è scritto". A dir poco fantastica!!
  • salvo ragonesi il 09/11/2012 16:19
    questa tua bella ironica poesia mi ha fatto ripercorrere i dubbi che già avevo pur essendo credente cristiano ma cristiano cosa vuol dire credere a tutto quello che ti propinano religione e genesi sono due cose da analizzare bene. un saluto. salvo
  • mauri huis il 08/10/2012 07:02
    Certe volte l'unica maniera per dir qualcosa senza offendere metà del mondo, cosa che assolutamente non voglio, è dirla in rima con stile faceto. Il pezzo risulta lo stesso incisivo ma non dileggiatorio. Ringrazio sopratutto quelli che sono fortemente credenti e non si sono del tutto divertiti per averlo comunque letto e commentato, così come io leggo e commento a mia volta i loro pezzi profondi e credenti. Ps: è vero, non conosco bene la genesi, perchè ogni volta dopo 3 pagine, ho degli accessi di riso pericolosamente intensi. E mi succede lo stesso col baktivedanta e altri libri similari. Colpa mia. Salutamos, gentes!
  • mariateresa morry il 07/10/2012 18:39
    Il brano è scritto molto bene, ritmato, divertente pure. Un'idea creativa forte. Solo che se si deve prendere un poco in giro ciò di cui si conosce poco ( e tu se sbaglio ti sei sempre dichiarato non credente) , si rischia anche qualche tombola. Come facezia va benissimo! Su Genesi avrei molto da scrivere, ma non voglio tediare nessuno, tantomeno chi non crede... e dietro il suo linguaggio simbolico e volutamente " arcano " c'è un incipit per l'Umanità che è da brivido.
  • Teresa Tripodi il 05/10/2012 11:18
    originalissimo pezzo siglato su tavola??? non credo proprio... non mi diverte ma mu fa soridere in maniera drammatica visto che credo che l'intento sia proprio una sottospecie di denuncia schiaffata li senza troppi fronzoli e giri di parole... Maurì tu per un po' stai muto e poi arrivi dicendo questo é per me... bhe BRAVO!!!
  • stella luce il 03/10/2012 21:08
    letta... bravo e di certo pieno di conoscenze che io non ho... ma anche la Bibbia come altri testi sacri (al di là della fede di cui essi parlano) andrebbero ben conosciuti prima di essere raccontati... per cui non commento altro... ti ammiro e lo sai
  • Anna Rossi il 03/10/2012 10:37
    un bel salto su "come noi eravamo". un bagno di salutare realismo ironicamente rappresentato su "come noi siamo". ottimo Mauri! ..
  • loretta margherita citarei il 02/10/2012 16:53
    molto originale complimenti
  • Ellebi il 02/10/2012 13:09
    Quel che riporta la genesi non è più incredibile di quel raccontano molte altre culture religiose circa l'inizio, potrei dire persino che anzi, rispetto ad altre, è la meno incredibile. Cordiali saluti
  • Anonimo il 02/10/2012 12:22
    Una spassosa lettura... molto ironica. Veramente bravo.
  • Anonimo il 02/10/2012 12:01
    La Bibbia, la genesi, l'uomo e l'anima... la vita insomma... mauri'?! argomentazioni in rima su cui impazzire ed ognuno cerca nel proprio intimo di avere risposte. Sto leggendo un teologo che non so come mai non abbiamo ancora messo al rogo... Vito Mancuso, conosci?! leggerlo mi sta rasserenando un po'a proposito di tutto quello che hai detto nella tua poesia e anche di più. Ciao!