accedi   |   crea nuovo account

Nemesi

Gocce di ricordi
solcano gli specchi
dell'anima
Scivolano e attraversano
la mente inumiditi
riaprendo piaghe antiche
che stancano a rimarginare

Non abbiamo più sangue
da versare
Non abbiamo più vite
da immolare

Brume autunnali elevano
dal suolo dense nebbie nei boschi
di castagno e lasciano
trasudare neri vaghi fantasmi
Che fuggono indistinti
ai filtri del sole.

Non abbiamo più paure
da temere
Non abbiamo più vergogne
da coprire

Un sole rosso incendia di
fuoco l'orizzonte
Infiamma le acque
del mare le onde
leggere pacate assidue
che regolari irrorano nudi
i piedi

Ora abbiamo nuovo vigore
nelle vene
Vergini mani e nude braccia
per la lotta

 

1
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Michele Giuliano il 03/10/2012 07:34
    Grazie Luigi, per le belle parole!!!
  • Luigi Zaninoni il 02/10/2012 22:28
    Perfetta, leggera e leggiadra, mi pare nel leggerla di assaporare un buon vino, lodevole l'immagine del sole infuocato che da vigore, e dell'acqua purificante, che aiuta a vincere la lotta contro le piaghe dell'animo.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0