accedi   |   crea nuovo account

Graffi di granchio

Di spalle ai miei anni
sale un sorriso
di quanto ricordo
alla spiaggia
di primo mattino.
Mi feriva un sole cangiante
su cielo e mare uniti
assai prima di Genesi.

Pur là
nessuna orma nuova
sulla rena dimenticata
ma graffi di un timido granchio
a scaldarsi al sole.

Dune frenate dagli esili cardi
Aprivano le ombre alla luce.

 

5
6 commenti     4 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • roberto caterina il 07/10/2012 15:11
    Mi piace molto l'idea dei graffi che un timido granchio- forse il poeta- può dare. C'è sotto traccia un'idea di cose piccole, esili che riescono a frenare le dune ed aprire le ombre..
  • Raffaele Arena il 06/10/2012 20:56
    Come una pittura, bellissimo quadro. Aprrezzato di cuore. Bellissima.
  • Antonio Garganese il 04/10/2012 21:14
    Un ricordo d'estate di una spiaggia assolata e solitaria con la sola presenza del mare, del cielo e di un granchio che assurge a protagonista principale se non c'è nessun altro. Bella.
    Uno scherzo: al mare puoi andare pure adesso, l'età non c'entra niente. Ciao.
  • Anonimo il 04/10/2012 18:34
    Un titolo assai suggestivo per aprire ad una poesia contrassegnata dal delicato volgere di versi velati di nostalgica malinconia. L'epilogo coinvolge nel dimensionare una immagine emotiva di non comune bellezza. Molto interessante lo scontro tra l'ombra e la luce, governato dai cardi sulla duna, che qui assurgono a mezzo poetico insostituibile nel contesto della stesura.
    Sono molto contento d'aver letto questi ritmi poetici di non facile ispirazione.
    Complimenti
    Ciao
    Aurelio

    dai connotati

6 commenti:

  • Giuseppe Amato il 17/10/2012 19:16
    Nell'insieme del quadro il granchio e gli ultimi due versi sono splendidi, ho ripreso a leggerti ed è un vero piacere
  • mauri huis il 08/10/2012 07:07
    Straordinaria. Pura ispirazione. E non senza un pizzico di veleno, come tuo solito. Il che me la rende ancora più cara. Grazie. Maurizio.
  • mario durante il 06/10/2012 12:43
    Immagini di ricordi indelebili ed oramai sognati.
    Bellissima.
  • Gianni Spadavecchia il 05/10/2012 15:20
    Ricordi di spiagge piene di vita, sole cocente.. Bei sorrisi
  • mariateresa morry il 05/10/2012 12:07
    Ragazzi grazie a tutti voi. Certo che al mare ci vado anche adesso e sempre ci andrò anche in piena vecchiaia, però, come ha detto bene Franco, il pezzo riguarda il mare della mia infanzia, quello degli anni 58/65, quando non c'era quasi nulla nemmeno al Lido di Venezia, che era la mia spiaggia, e noi portavamo i costumini da bagno confezionati in casa. Quanta tranquillità e serenità, con i cappellucci in testa di cotone!
  • franco buniotto il 04/10/2012 22:32
    A Grado, una vita fa era così. Non ci pensavo più. Anzi, m'ero proprio scordato di com'era la spiaggia e tutto il resto. Si, era proprio così. Adesso è cambiato tutto. Anch'io. Grazie mariateresa morry. ***** Franco

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0