accedi   |   crea nuovo account

L'illusione

Eppure avrei giurato che fossi lì
alta, imponente, decisa,
ma un giorno, d'un tratto, svanisti così
come se fossi un prigioniero in divisa

e proprio al tempo in cui ti cercai
riapparisti, ma non ti notai;
è buffo, pensai, era quel che speravo
eppur ti pensavo, ma non ti guardavo

forse, pensai, è il tuo volto che manca,
senza presenza non può esservi assenza
anche laddove una mente spalanca
fantastiche idee di ideale parvenza;

chissà, mi chiesi, se ti vidi davvero,
come avrei mai ottenuto certezze
da un senso, la vista, non sempre sincero,
che fa dei colori le sol sicurezze?

quando l'istinto s'impone a razione
s'arresta, riflette e continua l'azione;
comprende che il falso ha la stessa valenza
di un vero privato di ogni sua urgenza.

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti: