accedi   |   crea nuovo account

VELO

Mio dolce
E
Potente
Signore
La tua ancella
È al tuo
Cospetto

Filo di rasoio
Bilico
Le tue
Parole
Decidono
Destino
Vita
E
Non vita

Dimmi
Mio
Signore,
Dimmi
La mia sorte…
Ai tuoi piedi,
Esistere,
Privilegio
Della mia schiavitù…
Priva di
Te,
Libertà
Nel buio,
Morte certa,
Oscurità….

Dimmi
Cosa fare
Perché
Nel tempo senza
Tempo
Ai tuoi piedi
Esista il
Mio destino
E lo
Farò

Incontro al Fato,
Cavaliere nero,
Una spada
In mano,
Affronterò la morte..
Senza scudo,

Elmo,
Ma con l’unica forza
Potente
Distruttrice:
Amore Eterno!!!

Sogno…
Velo sul viso
A separar le stelle
Dal tramonto e l’alba
Di due immortali,
Innamorati
Mondi …

 

0
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • laura cuppone il 04/12/2007 11:47
    grazie mariella..
    molto gradita la tua visita..
    si...è molto spirituale..
    congiungimento..
    patto..
    legame..
    fede..
    amore!!!!
    ciao L
  • mariella mulas il 16/11/2007 13:04
    Bellissima la tua dichiarazione d'amore.. Mi viene da dire che ha un qualcosa di spirituale.. di al di fuori della carnalità..
    Come sempre voli con i tuoi versi nell'essenza della tua anima poetica.
  • laura cuppone il 12/09/2007 00:04
    grazie per il commento Riccardo.
    l'appartenenza ad una persona è naturale se ci si dona nell'amore...
    il suo corpo, la sua mente... il suo spirito... appartengono a lui... ma il suo amore per me è mio! mio perchè lui vuole che sia così.. e lo stesso vale per me..
    e siamo fortunati entrambi, credimi..
    grazie
    Ciao L
  • Riccardo Brumana il 10/09/2007 23:55
    bellissima poesia, da vera sposa innamorata... fortunato il "tuo" uomo...
  • laura cuppone il 10/09/2007 23:46
    carissimo Gigi..
    davanti a un uomo come il mio... mi viene spontaneo ed è bellissimo sentirmi un'ancella...
    è vero, non sono così domita... ma docile al suo cospetto... si e mi piace moltissimo...
    ah.. l'amore!
    ciao L
  • luigi deluca il 10/09/2007 22:09
    non ti ci vedo "ancella" "schiava"... semmai, con la stessa forza dimostrata, "compagna" "socia" donna paritaria, insomma, mai succube, che non è da te, "fatina" fra le stelle, gigi
  • Anonimo il 17/07/2007 21:49
    L'unica arma per sconfiggere la morte, non solo quella fisica, ma specialmente quella dell'anima,è senz'altro l'amore comunque. Seguire la luce sempre, nonostante il buio sia presente nelle nostre povere vite. Il tuo scrivere è sempre molto particolare, ciao Laura.
  • sara rota il 17/07/2007 11:30
    Mi ricorda una poesia epica, dove il protagonista è un cavaliere nero, in sella ad un cavallo, con la spada sguainata a sconfiggere predoni e uomini senza scrupoli. Particolare, ma forse un po' troppo buia.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0