accedi   |   crea nuovo account

Un sogno reale

Cercavo lei nel sogno
di un cielo stellato:
Lei dalla pelle di luna candida di cigno,
è la signora di questo cuore splendente,
come il fiato di un angelo.
È Lei l'angelo che, standomi alle spalle,
mi tiene i polsi alzati e mi fa volare,
apre gli occhi suoi sul mondo e lo fanno blu
tingendo il bianco e il nero dei giorni.
Dormi fanciulla, dormi stella,
dormi amore... Ti guardo: quanto sei bella.
Ti guardo dormire al riflesso della luna,
vedo le stelle del cielo piangere:
gli mancano le due stelle più preziose,
quegli occhi splendenti come l'alba sui monti;
quegli occhi che non sanno piangere
perché pieni d'armonia.
Si ferma il tempo in un attimo, con te,
poi scappa via fugace, spaventato dall'amore
che lo vorrebbe tener fermo...
È speciale ogni momento qui con te
che tra le gambe mi provochi sgomento:
tu che con la pelle di luna mi hai fatto far fortuna.
Lascia parlare, lascia ascoltare:
ciò che si dice e si sente nel vento si perde.
Ma ciò che è vero resta qui,
nei nostri cuori.

 

3
3 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 10/10/2012 12:41
    UN'ACUTA RIFLESSIONE... L'INTIERO VERSSEGGIO...
    UN INCANTO... IL DISTICO DI CHIUSA...
    IL MIO ELOGIO VITO

3 commenti:

  • stella luce il 12/10/2012 13:59
    dolcissimo... il vero resta nel cuore...
  • Gianni Spadavecchia il 11/10/2012 20:47
    Ciò che è vero, importante, resta quì, nei vostri cuori Poesia dolce e a sprazzi passionale. Bella!
  • Rocco Michele LETTINI il 10/10/2012 12:46
    Scusami della stecca in verseggio

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0