username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Obiettivi aziendali 2013

Sbattono contro i muri
dell'ufficio, non volano,
come i tordi di fine stagione,
le parole di questa riunione,
non volano al mio orecchio
come, in grigio di giornata,
l'impatto delle gocce.
Con esse, sui vetri,
scivolano i pensieri e
sulle sue stesse lacrime
scivola l'anima mia.
Fuori piove e là passa la vita.

 

3
4 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 11/10/2012 14:58
    IO CHE QUOTIDIANAMENTE SCORRO LE ORE IN UFFICIO... NON POSSO CHE NON ELOGIARE QUESTO TUO ESEMPIO DI REALTA'... UN'APOSTROFATA METAFORA... INOSSIDABILE IL VERSO DI CHIUSA...
    TUTTO IL MIO ENCOMIO AUGUSTO

4 commenti:

  • marzia il 21/10/2012 11:18
    leggendola mi hai fatto sentire un triste impiegato rinchiuso dentro il suo ufficio.. ahah molto relistica questa tua opera! bravo augusto
  • augusto villa il 18/10/2012 22:14
  • loretta margherita citarei il 11/10/2012 16:13
    bella poesia molto profonda
  • laura il 11/10/2012 15:32
    molto bella e veritiera! passare una giornata in ufficio, in cui si sentono chiacchiere, alle volte anche inutili... ti verrebbe voglia di uscire fuorin dove si svolge la vera vita. Purtroppo il tempo lo passiamo dentro le quattro mura! il lavoro è importantissimo, dovremmo solo imparare a trovare l'equilibrio tra l'ufficio e la vita privata! Molto bella complimenti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0