PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Dopo una notte all'addiaccio

Sogna sognatore, finché hai ancora sogni
che ti regalano il buongiorno...
Guardo l'alba, l'amaranto delle nuvole
si fa oro come un sogno che ricomincia
al risveglio, diamanti di rugiada sulle viole
fanno brillare il campo, questa è la miccia
che accende un nuovo giorno. Di quadri signore,
il sole tinge d'oro le vette innevate,
sfuma il rosa sulle coste scoscese,
poi sveglia il gallo: affinché svegli il paese.
Guardo l'alba e mi scaldo alla luce
dopo la lunga notte all'addiaccio:
guardavo i gabbiani riposare nella caletta,
le mie impronte sulla neve, silenzio... Perfetta
questa notte per non dormire.
Solo io, la neve e le stelle,
sempiterne ed invidiose amiche:
splendon lassù e mi guardan guardare...
Stramberie della mano stanca che cerca riposo
senza poter riposare. Notte di ghiaccio...
Alba d'oro, notte poetica ma senza versi.
Si può riversare il giorno nella notte
per una notte chiara, ma non si può riversare
la notte nel giorno,
s'ingrigisce l'oro d'intorno.
Dolce sogno accogli la mia stanchezza,
dolci sogni datemi l'ebbrezza:
buongiorno al mondo... E a me buonanotte.

 

2
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0