accedi   |   crea nuovo account

La morte della poesia

Cercava la morte nella notte chiara,
gridando che l'amava ancora, il suo schiavo,
l'angelo nero mi fermò.
Era morta, non sarebbe mai tornata quella poesia:
ovunque sia nessun lo sa, la Poesia
che l'amante cercava per la sua consorte,
cercava e gemeva poiché nel pianto non la trovava.
Non era nemmeno nella luna che grande madre da i sogni.
"Vieni da me dolce musa dimmi tu, qual è
Il pensiero, dov'è la Poesia?"
L'angelo nero dello scempio l'ha uccisa:
torturata da poeti falsi e dai ciuchi derisa
è morta la poesia, incompresa, questo era il male!
La incontrai e la vidi piangere sopra le nuvole;
lontano dall'angelo nero che di linfa sua si nutre,
aiuto domandava, domandava a me
che son non poeta, io l'ultimo scrittore...
Io... Che ho visto della morte di Lei l'albore.
Poesia non è se non c'è corpo
e melodia non c'è se no c'è anima;
amore e vita fan la Poesia e la musa
che come streghe incantan la mente confusa,
che nella vita è eterna illusa.
Poesia, poésia e non poesia:
arte senza artista ma anima solenne

 

1
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Gianni Spadavecchia il 16/10/2012 13:42
    Anima solenne, poesia.. Versi piaciuti ed apprezzati Vito.
  • stella luce il 15/10/2012 21:45
    la poesia e anima, corpo e vita... e la musa ispiratrice alle volte è una vera strega che incanta e manda in delirio l'animo di colui che è capace di ascoltare...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0