accedi   |   crea nuovo account

L'anima ferita

Quando le mie mani come farfalle,
sui petali della tua fresca pelle
regalavano i battiti spediti del mio cuore,
tu a me offrivi la corolla delle labbra
a cui centellinavo il nettare del tuo ardore.
Mia adorata tremante lucciola
inondavi me di quella luce tenue
che infiamma il cuore
e intenerisce l'anima.
Mia fronda amata rigogliosa
di fiori ricolma, tra i tuoi rami
costruii l'alcova dell'amore
dove riposavo le ali,
per spiegarle di nuovo
nel sogno della vita.
Ma tutto muore
al gelo dell'incomprensione,
e in solitario volo
verso mete sconosciute vado,
con il cuore colmo
del ricordo che graffia
ad ogni battito d'ala,
e il mio verso è un'eco
che si perde nel cielo,
per ritornare alla terra
in stille di dolore.

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0