username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Mal di vivere

L'occhio vitreo del contadino
guarda sottecchi al mare
mentre esprime
il suo mal di vivere
su questa terra ingiusta
che schiaccia
la sua carne migliore
per comprarla altrove
piena d'estrogeni
e priva d'amore.

 

5
4 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 01/11/2012 16:16
    se portassi un cappello lo toglierei... un plauso!!!
  • Raffaele Arena il 23/10/2012 22:06
    Il contadino vaga per una terra che per taluni non è quella dove lui è nato. Gli è stata espropriata da multinazionali, per lo sfruttamento di un giacimento di petrolio o quant' altro. Il contadino è arrabbiato nero, e vede nero, ma continua ad avere un sentimento forte di appartenenza alle sue radici o per lo meno alle radici vegetali e umane. Bellissima poesia, da dibattito libero. Complimenti e grazie per i tuoi commenti.
  • Rocco Michele LETTINI il 19/10/2012 04:38
    Un mal di vivere apostrofato da la tua acuta sensibilità al quotidiano fluire. Intensa considerazione di una persona, il contadino, che trapassa ne l'occhio assente de l'altri.
    HO SCORSO UN PROFONDO E REALE VERSEGGIO... IL MIO ELOGIO SILLVIA.

4 commenti:

  • silvia leuzzi il 24/10/2012 20:53
    Grazie Salvatore mi fa piacere che ti piacciano le mie cose
  • Salvatore Ferranti il 24/10/2012 11:53
    torno a ribadire. ogni tanto su questo sito appare qualcuno che sa scrivere. e non scrive la prima cosa che gli passa per la testa. un saluto, e i miei complimenti.
  • silvia leuzzi il 19/10/2012 08:44
    Oh Rocco mi commuove la tua puntuale attenzione. Grazie anche a Mario
  • mario durante il 19/10/2012 07:25
    Mal di vivere per una terra ingiusta, si sa che la giustizia esiste ma pur fugge.
    Bella e sensibile.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0