accedi   |   crea nuovo account

Una signora vestita di nero

Corriamo, corriamo verso dove non si sa
e poi arriva a lei a farci ricordare,
un mazzo di fiori un vaso resistente al sole e al gelo da portare.
Tutti nello stesso momento, formiche in coda ai semafori,
nelle strade e nel cimitero, scusi ho fretta... posso passare avantI?
Ma qui c'è posto gente ci stiamo tutti quanti.
Il due novembre torna tra la gente.
Danza la nebbia tra i fiori, la mia tomba è la più bella
e c'è sempre chi non ha nulla.
Mi fa pensare ad un anziano solo in ospedale
o ad un bambino dimenticato in un asilo.
Quanti giovani troppi quassù allora la morte non è giusta neanche lei.
Attimi di vita dietro ogni immagine da rispettare,
un sospiro il vento è diventato freddo colpisce il cuore,
mi aggiro con timore e rispetto di fronte
a quei volti che la morte ha fermato,
una signora vestita di nero che piange il passato.
Sono qui quando mi vorrai lo deciderai tu,
una sfida la nostra, una gara contro il vento,
eppure qualcosa ci sfugge, un battito d'ali,
l'immensità del firmamento,
qualcuno che si è smarrito,
un muro che il tempo ha scolorito,
cerchiamo qua dentro le nostre paure,
quello che non esiste qui ma tra la gente,
forse la morte è solo una nostra convinzione per sentirci vivi
al di là del niente.

 

3
3 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Grazia Denaro il 21/10/2012 01:21
    Una bella descrizione che non fa una piega dal vero scorrere della vita, Viviamo, ma abbiamo sempre come riferimento la morte, perché la vita è un passaggio più o meno lungo mente la morte è un arrivo definitivo, si spera che si arrivi a questa meta il più trdi possibile. Opera apprezzata!
  • Rocco Michele LETTINI il 20/10/2012 15:03
    FANTASTICA NELLA SUA ENCOMIABILE FATTURA ARTISTICA E DESCRITTIVA DI ATTIMI VITALI... IL MIO ELOGIO LAURA

3 commenti:

  • loretta margherita citarei il 20/10/2012 19:08
    sempre brava è un piacere leggerti
  • Teresa Tripodi il 20/10/2012 09:19
    ottimi spunti i tuoi ottime descrizioni e pensieri che carpiscono il senso del non senso della vita.
  • Anonimo il 20/10/2012 07:48
    Bellissime, come sempre, le tue descrizioni: riesci sempre a calarti nel più profondo di ciò che invade il tuo pensiero, questa volta i sentimenti relativi alla morte. Sei una persona ricca di vita. Quella vita che NON PUO' ESSERE FINALIZZATA ALLA MORTE, ma della morte si serve sempre e solo -la natura tutta insegna- PER DARE PIU' VITA, NUOVA VITA ALLA VITA!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0