PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Vivere

La nostra brocca di vino,
etereo disgusto di un sentire impacciato;

è così ogni mattina, alzarsi da astemio per camminare da ubriaco.

L'imprevedibilità del sapere, sempre vero e tutt'altro che infinito,
pronto a cambiare come noi, avversi sempre all'-altromondo-,
l'unica verità di questa sbornia.

Se non muoio adesso tornerò nel mio letto,
certo stanco e un po' afflitto;
è così bello immaginarsi l'-altromondo-

come una luce che scia nel buio, quasi un sesso senza meta,
un riflesso forse giusto
di quella brocca che non ho mai chiesto.

 

1
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0