accedi   |   crea nuovo account

Mia Crucis

La prima stazione
è una porta chiusa alle spalle.
La seconda stazione
è la croce che porto addosso.
La terza stazione
è la strada che vivo di notte.
La quarta stazione
è il riso dei passanti.
La quinta stazione
è una corona di spine.
La sesta stazione
è il mio corpo nudo.
La settima stazione
sono in ginocchio.
L'ottava stazione
è un'auto che se ne va.
La nona stazione
rimango da solo.
La decima stazione
è mia madre che piange.
L'undicesima stazione
è pioggia sul mio volto.
La dodicesima stazione
è un parcheggio dimenticato.
La tredicesima stazione
è un semaforo spento.
La quattordicesima stazione
è uno sputo in faccia.
La quindicesima stazione
è un pugno nello stomaco.
La sedicesima stazione
sanguino sul calvario.
La diciassettesima stazione
è la crocifissione.

"Padre, perché mi hai abbandonato?"

 

0
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • rescaldani franco il 22/10/2012 07:58
    La tua diciottesima stazione è la tua schietta poesia.

2 commenti:

  • Diana Moretti il 12/11/2012 12:12
    Di gran efficacia ed originale. Bravo.
  • Anonimo il 07/11/2012 16:59
    Il senso d'abbandono è sempre l'ultima tappa di ogni dolore profondo. Ma è proprio allora che la resurrezione può essere vicina.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0