accedi   |   crea nuovo account

Alla corte di Belzebù

Alla corte di Belzebù,
uomini di gomma
tutti a lucido tirati,
dietro sorrisi ipocriti,
insani desideri d'ingordigia
nascondon,
mentre, tutt'attorno
è uno stridio sommesso
di lamenti e disperazion
che i loro orecchi
non percepiscon.

 

0
6 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 23/10/2012 13:07
    Un serto floreale autunnale per questa tua straordinaria davvero!

6 commenti:

  • Simone il 23/10/2012 08:31
    Dilaniato di sguardi osservo le orde del nulla
    nuove fonderie fatiscenti colano dissensi.
    Molto bella complimenti.
  • loretta margherita citarei il 22/10/2012 19:51
    molto originale il mio applauso
  • Anonimo il 22/10/2012 14:38
    Ma che bella corte che ha belzebù... bella e numerosa!
  • Elisabetta Fabrini il 22/10/2012 12:56
    Hai descritto perfettamente il triste momento in cui viviamo...
    Molto intensa e vera, bravissima!
  • Anonimo il 22/10/2012 12:31
    Il male sociale deve sempre arrivare a livelli drammatici perchè qualcuno finalmente si svegli e diventi conduttore del cambiamento. Prima raramente tanti se ne accorgono, anzi non son pochi coloro che lo producono... e continuano a produrlo.
  • Grazia Denaro il 22/10/2012 11:50
    È la prassi di questa nostra politica malsana e di coloro che preposti a tutelari i cittadini, pensano a rubare le risorse di cui sono depositari per fare la bella vita ed incamerare capitali a loro uso e consumo. Tutto ciò ha portato il paese alla rovina, ma a loro non importa perché non hanno ideali, ma solo cupidigia!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0