accedi   |   crea nuovo account

La tuta arancione-2-

Puzzava di sudore,
la mia tuta arancione,
dal lavoro imbrattata.

Incontrato il padrone,
tappandosi il naso,
non osò a me
avvicinarsi.

Poco dopo in riunione
m'avvicinai al compagno
sindacalista
che teoricamente
esser a difesa
dell'operaio dovrebbe...

Uguale al padrone
verso me fu
l'atteggiamento...
per farmi ascoltare
mi son dovuta
mettere sottovento...

puzzava di lavoro
e di sudore la mia tuta!

Ma che strano...
L'altro giorno
che ero di riposo,
profumata, imbellettata,
passeggiavo per il corso.

Miracolo del mio aspetto?
Sia dal compagno che dal padrone,
ottenni ascolto, sorriso e rispetto
e molta comprensione.

 

3
6 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Grazia Denaro il 24/10/2012 14:10
    Poesia verità, Essere imbellettati, profumati e non accaldati con tuta e sudati fa cambiare atteggiamento a quegli snob con la puzza sotto il naso che si sentono superiori a chi lavora con fatica, goardandolo dall'alto in basso. Quella è la categoria di chi non sa cosa sia la fatica e incamera guadagni sul sudore altrui. Bella lirica, come sempre ben strutturata apprezzata. Brava Lor!
  • Rocco Michele LETTINI il 24/10/2012 07:30
    IL GRIDO DELL'OPERAIA... IN UNA POESIA INTRISA DI RABBIA CHE AL COMPAGNO SINDACALISTA (LECCHINO DEL FORTE) E AL PADRONE (SUPERBO DI FATTO) PUZZA PUR ANCHE LA PROTESTA (E MOLTO)... IL MIO ELOGIO LORY PER QUESTO TUO FORTE RICHIAMO DELLA REALTA'...

6 commenti:

  • Alessandro il 24/10/2012 23:35
    Una poesia realistica, una denuncia contro l'ipocrisia di chi dovrebbe tutelare i diritti del lavoratore, ma si rivela invece essere un altro fantoccio, mentre chi sembrava così distante dai nostri problemi, come il padrone, si mostra comprensivo. Interessante
  • Anonimo il 24/10/2012 15:01
    Se avessi avuto un bel paccone di euro dentro le tasche, magari non avrebbero sentito puzza, ma profumo di primavera!
  • Ugo Mastrogiovanni il 24/10/2012 09:51
    Veramente simpatica.
  • Don Pompeo Mongiello il 24/10/2012 09:25
    Un laudo sincero per questa tua eccezionale davvero!
  • Anonimo il 24/10/2012 08:03
    "Pecunia non olet"
    Amica mia, l'unica cosa che non puzza, come dicevano già i Romani, è solo il denaro!
    Il padrone, il sindacalista, il politico, il professionista ecc. ecc., sono tutte figure che girano intorno al soldo e non intorno all'uomo.
  • Anonimo il 24/10/2012 07:11
    grottesca attualità descritta divinamente come è tuo uso... bravissima grande poetessa

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0