username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Penso

Penso, a volte che sia già il tempo dei consuntivi;
di tirare le fila; di chiudere i conti.
Penso, a volte, che la montagna sia alle mie spalle e
dinnanzi io vada veloce per la china.
Penso, a volte, che il mio cuore abbia battuto e
che il suo battito attuale tenga in vita i miei ricordi.
Penso, a volte, di aver già scritto; scritto tutto.
Scritto i versi e le canzoni e
penso, a volte, che con esse ho esternato e sviscerato
tutte quante le emozioni.
E penso sempre che oramai sono al sicuro.
Al sicuro nella mia torre.
Al sicuro dai bisogni; così al sicuro che non tendo più la mano.
Al sicuro, e così certo
che stavolta, né per gioco o leggerezza,
volli aprire ad una voce che vibrava.
E pensando, come sempre, d’essere pronto ad ogni cosa,
non mi accorsi di ciò che fece:
come tolse le parole, incapace di parlare.
Come strinse questo cuore senza il battito fermare.
Come disse al mio sentire di guardar verso il futuro.
Come il germe fu piantato nel mio duro
petto.

Penso allora alla speranza che mi dai e come aprirmi a te vorrei.
Penso allora …
Penso a …
Penso.

 

1
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Maurizio Gagliotti il 21/07/2014 23:15
    NON MI SORPRENDE CHE MI PIACCIA... HO LETTO UNA CERTA SENSIBILITÀ AD UN COMMENTO AD UNA MIA. È TRA LE MIE PREFERITE.
    AMARE CERTEZZE CHE VENGONO SMONTATE DALLA VITA CHE SA SEMPRE SORPRENDERE
  • valeria raffa il 27/09/2008 10:09
    dolce...
  • Angela Maria Tiberi il 11/08/2007 14:20
    Siompatica. Angela
  • Giorgio Carana il 18/07/2007 10:16
    Gentile Franco
    deciderò di diventare un poeta professionista e avrò in tasca un contratto fantastmiliardario verrò di certo alezione perimparara non fare errore di battimento e sapere come si fa a non far rideri la persone divibendo i versi come cablo mi pare senza nessuno ke venga a fare il maestrino dentro ilmio duro petto. Grazie

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0