accedi   |   crea nuovo account

Parenti

Dei parenti? Di tutto s'è detto:
storielle e proverbi e io dico la mia,
con queste rime, ve lo prometto,
riassumo tutto in una poesia.

Dalla mia parte... tanti cugini
e zie e zii, lontani e vicini,
un solo fratello, una sola sorella,
niente suoceri e compagnia bella.

Col matrimonio sposai un marito
ma non fu il solo parente acquisito,
trovai cognate e cinque nipotini
e la prospettiva di altri bambini.

Il primo Natale da fidanzata
comprai regali in gran quantità
ma gli anni seguenti fu cosa sensata
accontentarsi pe risparmià.

In apparenza promettono tanto,
i cari parenti da poco acquisiti,
ma dopo un po', come d'incanto,
quando li cerchi... so' tutti spariti.

Come li vedo? In certe occasioni,
le feste e gli auguri per il compleanno,
quando diventano tutti più buoni,
salvo fregarsene il resto dell'anno.

 

2
3 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 27/10/2012 11:38
    Molto apprezzata e piaciuta questa tua straordinaria davvero!
  • senzamaninbicicletta il 27/10/2012 10:54
    sic! bel modo di scrivere con la ricerca delle rime senza alcuna forzatura. il significato è valido e profondo. Metaironica che risulta molto gradevole. Brava

3 commenti:

  • Alessandro il 27/10/2012 14:14
    Chiusa ironica e tagliente, una guerra fredda quotidiana, quella tra parenti acquisiti.
  • denny red. il 27/10/2012 02:07
    E compagnia bella... riassumo tutto in poesia. E vai a capire.. che quando è natale, ma guarda..! arrivano tutti..
    Ottima! mary, Ben Scritta!
  • Ellebi il 26/10/2012 23:56
    Molto simpatica davvero, esplicita tuttavia, e gradevolmente composta. Complimenti e saluti.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0