accedi   |   crea nuovo account

Sabato sera

Una stanza una luce
Un tavolo apparecchiato un qualcosa di caldo
Un libro magari un pc una sedia
Un divano per stendermi una televisione
Per illuminare il buio
Un letto un cuscino un gatto da abbracciare
Una luna che mi spia fuori dalla finestra
Un vento che non smette di bussare
Sabato sera culla questo lieve riposare
Luci rincorrono strade
Gente rincorre luci
Fuori la notte sta per incominciare
io Ti aspetto qua
Dal silenzio della mia pace mi stringo
Alla mia libertà

 

3
4 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 28/10/2012 01:22
    È IL SABATO SERA DI TANTI SOLITARI (ME COMPRESO)... IL MIO ELOGIO LAURA
  • Anonimo il 27/10/2012 23:03
    Una libertà a cui spesso bisogna pagare un prezzo molto salato, come può essere quello della tristezza e della solitudine, ma che permette di essere se stessi.
    Buon sabato notte!

4 commenti:

  • Alessandro il 28/10/2012 14:00
    Attesa nel focolare domestico, osservando il mondo esterno, così vivo e agitato, nell'attesa dell'amato. Atmosferica.
  • Antonio Garganese il 28/10/2012 05:09
    In questa bella e malinconica poesia non ci leggo solitudine ma voglia di raccoglimento. Approfittane per ripartire, su! Ciao.
  • Roberta T. il 27/10/2012 23:40
    Davvero Molto bella.. Brava..
  • augusto villa il 27/10/2012 20:27
    Che bella!
    --------

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0