accedi   |   crea nuovo account

La pioggia

E la pioggia assaporava i ricordi, che il tempo spazzava via,
inesorabile nel suo lungo strascico di rose e spine,
in un baratro in cui non scorgi la fine.
Affidare allo scorrere un destino, qualunque esso sia.

Affanni e sospiri disegnano una linea di fuoco,
che separa il cuore dalla mente, il bene dal male,
in quello che credevi fosse solo un gioco
ma segna sul viso solchi di acqua e sale.

E intanto il tempo lascia spazio al domani,
gli autunni lasciano spazio al gelo,
gli occhi sono coperti da un velo
e ti accorgi che ci sei fino a che rimani.

Le parole ingabbiano il dolce fluire,
la mente elabora l'avvenire.
Ma ciò che resta è solo il dolore,
di ciò che speravi fosse amore.

 

3
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 28/10/2012 01:38
    MIRABILE USO DELLE RIME (NON FORZATE) IN UN VERSEGGIO SINGOLARE NEL SUO LODEVOLE FORGIATO E D'ALTA RIFLESSIONE PER LA TUA GIOVINE ETATE... IL MIO ELOGIO DAVIDE...

1 commenti:

  • stella luce il 28/10/2012 07:18
    bellissimi versi... il dolore di un amore che così non era... dolcissima anche se pur triste

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0