PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La notte suda sotto le ascelle

Dove?
Dove sono?
Odore di benzina americana.
Texaco.
Tir della texaco.
Sono a casa allora.
Cos’è? Cos’è?
Un rumore.
Forse i vicini.
Quel vecchio BASTARDO avvinazzato
con quella moglie brutta e piccola.
Adesso corro fuori nel corridoio
vado di là e gli spacco il grugno.
L’importante è non inciampare.
Dev’esserci un fiume di merda
da qualche parte e non vorrei caderci dentro.
Comunque sono a letto.
Immobile.
È la testa che gira.
La legherò allo stipite del letto.
Cos’è? Cosa c’è ancora?
No. Non sono i vicini.
Forse è il gatto grigio con un occhio solo
o forse è la morte che picchietta con la falce
lafalce lafalce lafalce lafalce lafalce
Vabbè caro mio sei ubriaco
è inutile che provi a scrivere
che poi domani dovrai metterti lì
a correggere gli errori di battitura.
Rumore.
Ancora.
Vattene.
Vattene via ti prego.
Vattene che ho voglia di vomitare
e non voglio che tu mi veda mentre
perdo di nuovo
con la testa sul wc
Fuori è un caldo malato
la notte suda sotto le ascelle
e il camion del latte è
partito per le
consegne.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

17 commenti:

  • Riccardo Brumana il 02/09/2007 03:31
    forte! piaciuta
  • sara rota il 21/08/2007 10:20
    Una notte brava, ma abbastanza cosciente, di un uomo ubriaco... un delirio di immagini che potrebbero essere reali. 8
  • laura cuppone il 15/08/2007 22:52
    delirante!! ciao L
  • Antonio Guizzaro il 04/08/2007 18:49
    Giovane Duccio, mi sono laureato quando tu avevi cinque mesi. Mi restituisci sapori e odori di mie giovanili ebbre notti. Bravo.
    Scusa, ma lo scrivo a tutti: perchè centrare il testo?
    Io trovo che si perda un pò.
  • Luca Calabrese il 28/07/2007 13:31
    Per la prima volta ho scoperto di soffrire di mal di poesia... Vomito anche io tra poco...
  • Carlo Diana il 28/07/2007 00:15
    belle immagini di vita reale
  • Donatella il 26/07/2007 21:48
    Etiltox cps. citalopram da 20mg. valium in gtt. la terapia appropriata per non cadere nei fiumi di merda, dimenticavo 2 dita in faringe per far uscire gli ulteriori fiumi di merda.
  • marco moresco il 26/07/2007 18:13
    caro duccio, i nostri stili sono quasi agli antipodi, ma questo non vuol dire che non tornerò a rileggerti, per apprezzarti e per imparare quello che non so, con simpatia marco
  • augusto villa il 26/07/2007 15:37
    eccavoli!... scrivi proprio bene Duccio!... Complimenti... siaper le storie che racconti sia per lo stile! Ciao, Augusto.
  • Ezio Grieco il 24/07/2007 22:50
    Duccio FANTASTICO!!!
    UNICO!!!
    ... se inciampassi, ti verrei a tirare fuori io dal mare di merda; anche se mi farebbe vomitare!!!!
    ... oh, non fraintendere; vorrei solo che rimanessi sobrio.
    Ciao
    Cl
  • nico cosentino il 24/07/2007 17:52
    ehy, ehy ma cosa leggo?
    spleindide parle cazzo. sei molto vicino alla mia idea di poesia
  • Valerio Palma il 19/07/2007 23:40
    Mitica! Certe notti-mattine vengono fuori le cose migliori... Ne so qualcosa...
    Stile molto originale e che cattura...
    Vale
  • celeste il 19/07/2007 23:10
    Wow! Hai mai provato con il turbo a 4000 g/min. Non ti dico la termocoppia. bravo
  • robibreak. il 19/07/2007 10:31
    resti il mio preferito!"dev'esserci un fiume di merda da qualche parte e non vorrei caderci dentro", come condivido!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0