accedi   |   crea nuovo account

Estate dell'ottantasette

Gli occhi ed il cuore che uso per riguardarla hanno venticinque anni in più,
ma la ricordo senza una nuvola e con il sole sempre a picco sulla nostre teste ingenue.
Pomeriggi infiniti ad alzare la polvere del campo da calcio,
ginocchia sbucciate e sudore negli occhi,
le pause solo per mangiare ghiaccioli.
I giri in bicicletta e qualcuno dei grandi arrivava già in motorino
e noi li a sbavare e ad immaginare lunghi viaggi.
Le ragazze erano solo un 'inquietudine lì in mezzo allo stomaco,
una sensazione strana ed indefinibile... terribilmente bella.
Si ma... qualcuno di voi ha già limonato?
e tutti ad annuire, anche se non era vero.
Per me l'estate è una sola e sempre quella,
quella dell'ottantasette.

 

1
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Diego il 28/10/2012 17:06
    Sentita ogni volta che la rileggo.
  • Alessandro il 28/10/2012 13:48
    Ricordo di stagioni ancora giovani, in quel momento particolare della crescita trascorso tra il gioco e le prime curiosità sull'altro sesso. Apprezzatissima

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0