accedi   |   crea nuovo account

In fondo verso casa

Portami con te pensier vetusto
raccoglierò negli assolati campi d'erba
le piccole fragole selvatiche
e sulle strette vie della collina
dolci more tra spine e sassi
incastonati
Ascolterò le voci
care della giovinezza
canti sudati e sporchi
indiavolate corse ad evitar
sassate e giochi un po' violenti
Portami con te verso quei tempi
non ho da fare niente per seguirti
non ho rancori
ne ripensamenti
lascio la casa che non m'appartiene
per venir teco
abbi pazienza
La gioventù va per la sua strada
e lascia desolati e brulli
quelli prati verdi delle fragoline
Poi lasciami qua ove tengo casa
mi siederò
pensandoti contento
lo pensier mio sei stato e puoi restar
se vuoi
che sto si bene
come ha dolor passato
e in fondo a l'è finito.

 

2
3 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 28/10/2012 16:52
    CHE RIMEMBRAR SOAVE... DE LA LONTANA PRIMA ETATE...
    IL MIO ELOGIO FRANCO...
  • Don Pompeo Mongiello il 28/10/2012 13:43
    Un plauso dovuto e sincero per questa tua straordinaria davvero!

3 commenti:

  • Anonimo il 30/10/2012 07:12
    La gioventù trascorsa si rivive col pensiero ma poi si torna alla realtà. Tranquillamente ritorni in compagnia di quei pensieri nella tua casa, dove si sente alberga serenità raggiunta. Bella, con una stesura dal taglio particolare.
  • loretta margherita citarei il 28/10/2012 16:52
    ottimo testo fra i miei preferiti
  • Alessandro il 28/10/2012 13:47
    Riflessione matura sulla giovinezza e le gioie passate, incastonata in un'ambientazione rurale. Piaciuta

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0