PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Nun Te crede

Sto pianto che me vin dar core
nun te crede che se ne more
strillo, urlo me dispero
ma ner petto mio sempre t'arivedo

Famme la carità, nun te vortà
l'occhi tui non dò guardà
perchè st'amore che me consuma
nun ze n'accorge ma me tortura

De notte sai quer che m'accade
te sogno, te bacio nun te lasso annà
poi de giorno nun ce un cazzo de verità

Nun te la pijà se te dico ste cose
nell'anima mia nun ce pace
te amo e te lo dico, nun me lassà ner core mio!

 

0
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 09/11/2012 11:43
    Dorcissima comme nu babà, sta tua piacevole assaie.
  • Antonio Garganese il 01/11/2012 22:36
    Amore idealizzato, assai diverso dalla realtà dei fatti. L'utilizzo del vernacolo rende la poesia più incisiva e struggente.

1 commenti:

  • stelsamo il 14/11/2012 11:40
    Struggente poesia scritta in vernacolo i cui versi esprimono tutta la sofferenza per un amore non ricambiato. L'ho molto apprezzata nella sua totalità! Molto brava, complimenti!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0