PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Peter a Stoccolma

Quando Peter arrivò a Stoccolma sembra una storia così banale
Come se non ci si stupisse più nel vedere qualcuno partire
E partire è così scontato come i regali di natale
Ma quelli restano in ombra mentre un viaggio ti fa cambiare.
Contare il tempo con i sospiri, dimenticarsi di tutti gl'ieri
Freddo dentro, freddo fuori e poi un rincorrer di pensieri:

"Perché non ci siamo estinti come i dinosauri?
Come i telefoni a gettoni, come i floppy, come i puzzle, come le conversazioni?"
Ritrovarsi da canali, ricordi di domani, unghie sulla schiena, senti come trema
Poi guardare l'orizzonte, raccogliersi, cercarsi, abbracci.
"E poi da dove si potrebbe cominciare? Tornare?
Raccoglieremo le piume che cadono per strada, le incolleremo alle braccia
ed impareremo a volare, per trovare poi un modo, per non scendere più."
Mi manchi tanto, gli alberghi ad ore, domani è tardi per non rallentare
Il solito vociare, le notti in centro, gli occhi rotti, amore.
"Potremo cominciare da un bacio? da una luce spenta? da un abbraccio?
O da un quaderno? Da un ricordo? da un viaggio? perché c'è sempre un viaggio?
Potremo tornare, potremo stringerci di più, resistere alla corrente,
crescere, costruirci, su di noi, come avevamo cominciato.
E poi non facciamo altro che credere nel momentaneo?
E domani, chi consolerà domani?"

Quando Peter arrivò a Stoccolma nemmeno ci voleva arrivare
Ma poi arrivò il giorno e poi un altro e un altro ancora
In un istante come si aprisse un sipario davanti al mare
Il vento leggero, intorno silenzio, respirava, stava bene.

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0