PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Impulso

L’impulso è la vergogna dei costruttori!
Evitano ogni giorno che questo possa renderli mortali, vivi.

L’impulso è per i meno fortunati. per coloro che hanno aria contata e i polmoni vuoti.
È per chi ha il coraggio di farsi “male”, con occhi aperti.

Ma non implorerà mai di urlargli contro. A te, sorella e madre.

L’impulso fa arrossire chi ha un sol colore, chi pensa che domani è meglio sceglier per avere.

L’impulso “graffia” gli squartati; perché hanno sangue a sufficienza per morire in pace.

Ma non implorerà mai di urlargli contro. a te, sorella, madre… a te amore!

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Anonimo il 22/07/2010 11:42
    strana, difficile da comprendere, ma bella.
  • nemo numan il 29/07/2009 20:28
    bellissima
  • mariella briganti il 13/09/2008 14:17
    la struttura parallela regala un tono deciso e armonico al testo;l'anafora ad ogni verso;come un ritornello, così il terzo e sesto cantano di te, amore profondo e ferito. reazioni impulsive, per"chi ha il coraggio di farsi male con gli occhi aperti", son dolorose,"ma non implorerà mai di urlargli contro". sorella e madre... amore, infine..
    leggo dolore, dalla profondità dell animo tuo, forte e fragile allo stesso tempo.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0