accedi   |   crea nuovo account

Labirinto

Notte stellata, silenzio irreale
se il mondo tace ti fa meno male
la puoi controllare come forza tranquilla
e farti trainare dalla tua buona stella

che se cerchi qualcuno che ti tende la mano
stai certo alla fine non trovi nessuno
perché tutti viviamo il mio io ed il presente
e di quello che è intorno non rimane più niente.

Poi non sopporto quel sapor solidale
di ipocrisia diffusa, da servizio sociale
di umanità chiusa, che salva il privilegio,
di poltrona conservata a causa di un servigio.

Le colpe degli uomini hanno strane sembianze
che stanno rinchiuse in misteriose stanze
che nessuno ha mai visto, che nessuno conosce
contro chi sta più sotto la vita scalfisce.

Ci rimane un'attesa che rimane delusa
della gente comune, numerosa ma esclusa
che ti spinge ad agire e ti chiede un bel voto
e non riesci a spiegarti questo senso di vuoto

di chi forse ha qualcosa e non sa che possiede
quella chiave di volta che chi ha non la vede.
Se non entri nel gruppo e rimani di fuori
hai capito la vita e di certo non muori.

 

3
3 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 02/11/2012 10:22
    Un'analisi precisa e attenta della realtà d'oggi, pienamente condivisa.
    La chiusa mi dà motivo di esprimere due interpretazioni. Nella prima, l'uomo non muore se entra pienamente a far parte di quella struttura ipocrita che domina tutto; nella seconda, che trovo più conforme al mio sentire, l'uomo non muore perché, avendo compreso il funzionamento della vita, se ne tiene al di fuori, esercitando quel principio di dignità e di conoscenza vera che lo rende libero.
    Complimenti Antonio per l'opera tutta!

3 commenti:

  • stella luce il 04/11/2012 17:13
    un labirinto del mal di vivere...
  • laura marchetti il 02/11/2012 07:26
    parli di vita con lo stile di un rap e con la profondità di chi la conosce in tutti i suoi aspetti
  • Anonimo il 02/11/2012 06:51
    un labirinto di incertezze d'ipocrisie, un mondo arido, tutti pensaamo a noi stessi, come se fare un sorriso o tendere una mano costi un prezzo alto... invece è assolutamente gratuito... quet'opera porta a riflessione anto... hai fatto bene a scriverla... un abraccio ed un sorriso...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0