PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Ansie universali

Principia, nel primo mattino,
lo scrutarsi di vite riflesse
sulle rive dei marciapiedi;
le scortano lungo il cammino
vascelli di foglie dimesse.

Compagne da ognun condivise
s'annidano sotto le suole
di scarpe dall'affanno lise:
angosce con permesso d'irridere,
passioni con licenza d'uccidere.

 

8
9 commenti     4 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • giuliano cimino il 07/11/2012 00:12
    metrica precisa perfette e suadente.. musicale opera, profonda seppur lascia il velo di tristezza della nostra realtà del nostro tempo
  • Anonimo il 02/11/2012 20:37
    Un testo "universale" molto significativo e profondo. Belle descrizioni, accompagnate da metafore davvero suggestive ed incisive, completano il valore dell'intera pubblicazione. Apprezzata per stesura e contenuto. Sinceri complimenti e grazie, Alessandro, per avermi letto ancora. Trascorri un felice week-end, collega di poesia.
  • Rocco Michele LETTINI il 02/11/2012 17:17
    ANSIE UNIVERSALI E REALI... MIRABILMENTE E DILIGENTEMENTE CONSIDERATE ES SOTTOLINEATE... IL MIO ELOGIO ALESSANDRO...
  • silvia leuzzi il 02/11/2012 16:24
    Caro Alessandro la tua lirica mi convince sempre più che il nostro tempo letterario può ben dirsi Neocrepuscolarismo. Ovviamente siamo summa di tutto ciò che ci precede però ora, in questo periodo incerto, così come agli inizi del novecento, questo sommuovere di coscienze, questa voglia latente di cambiamento. Noi incerti poeti o imbrattatori di carta, riportiamo conciati a festa le ansie universali, così le sentiamo e tu le hai dipinte in questo quadro, che nella mestizia offre serenità, una serenità perversa sottile, amara.
    Encomiabile la chiusa in cui hai chiuso il nostro sentire che riporto per non dimenticare:
    "angosce con permesso d'irridere,
    passioni con licenza d'uccidere " Bella complimenti

9 commenti:

  • laura il 06/11/2012 14:57
    una poesia piena di amarezza per una vita che non riesce ad offrirci nulla! sentiamo il peso che ci assale e diventano ansie universali. Hai scritto un testo molto bello, hai tirato fuori la parte più profonda di ciò che rappresentiamo usando metafore molto significative! bravo davvero ciao
  • Don Pompeo Mongiello il 06/11/2012 13:01
    Un serto di lauro per questa tua straordinaria!
  • Andrea il 04/11/2012 17:04
    magistrale... veramente bellissima!!!
  • stella luce il 04/11/2012 09:44
    ansie che sempre ci accompagnano... versi molto particolari bravo
  • Grazia Denaro il 03/11/2012 21:03
    In questa crepuscolare poesia leggo un'insoddisfazione di ciò che la vita ci presenta oggi: un'ansia, un affano di vita incerta ed insicura nel divenire, penso ci stia contagiando in tanti. Lirica scritta con una stesura notevole, apprezzata Ale!
  • mariateresa morry il 03/11/2012 13:51
    Non è affatto facile scrivere un testo moderno, con i suoi significati esistenziali, in rima... sei sempre raramente sensibile Ale!
  • Marina Duccillo il 02/11/2012 23:05
    mi è piaciuta questa; è il tuo modo di scrivere che mi piace molto, mi sembra frutto di una buona preparazione alle spalle,
    complimenti
  • Anonimo il 02/11/2012 16:31
    Un viaggio che inizia, in compagnia della nostra angoscia e della realtà che viviamo, in cui tutto accade e tutto può succedere, come per una sorta d'ineluttabilità.
    Bellissima poesia!
  • Barbara Scarinci il 02/11/2012 14:21
    Un quadro dai colori autunnali il tuo che descrive magnificamente lo scorrere della vita mai priva di incertezze!! Piaciuta

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0