accedi   |   crea nuovo account

Coltivando utopia...(tanto per condividere i miei sproloqui)

Ho fatto un sogno per questa nostra bella e disperata patria, dove ormai il degrado morale impera, le ingiustizie sono la regola, i vecchi contano solo al momento delle votazioni e poi vengono ignorati, rinchiusi in istituti e a volte maltrattati da badanti indegni, dove i bambini contano solo per le catene commerciali e nulla di importante per la vita è dato loro. Per questa nostra Italia dove le lauree si comperano e le professionalità vere scarseggiano, dove i migliori fuggono in cerca di fortuna, dove il malcostume è accettato e ladri in guanti bianchi continuano imperterriti a razziare, indisturbati. Lupi rapaci vestiti da agnelli, sanguisughe sempre più avide attaccano le loro ventose insaziabili sulla pelle di chi ignaro ha riposto in loro fiducia. Per la nostra Italia dove il popolo sembra paralizzato e non sa più che fare...
Dicevo: un sogno per questa nostra patria amata dove la brava gente è tanta ed è smarrita come un gregge senza più pastore.
Per la res pubblica
Mi trovavo in cima a un monte altissimo
da dove
tutt' intero vedevo il Bel Paese,
dai monti al mare isole comprese.
Potevo guardare quel che succedeva
regione per regione, provincia per provincia,
città per città e ogni paese.
Ho visto gente affannarsi invano e lavorare
ma che a stento arrivava a fine mese
Ho visto chi piangeva e chi invece sorrideva
Ho visto i ladri che viaggiavano impuniti
Bambini ricchi e altri malvestiti
Chi stava sotto ai ponti e chi dentro un castello
Scelto fra i tanti di sua proprietà...
Ho visto ed ho osservato, poi ho scritto
Con tizzo di carbone sulla roccia
Così che da lontano ben si veda
Quel che per me sarebbe il cambiamento:

a)Da domani più nessuno che già abbia governato
lo potrà più fare.
Via tutti!!! Non potran tornare!
b)Ogni provincia scelga fra la gente
che ad ogni ceto sia appartenente
alcuni cittadini di provato onore
c)Non destra e non sinistra
non servon proprio a niente
d)Solo due i requisiti
l'integrità morale e l'autentico interesse per la gente
(e per la "res pubblica")
d)E fra queste persone sceglierà il migliore
ogni popolazione, provincia per provincia,
regione per regione ed anche le città
e)Al governo centrale ci andrà chi
Avrà maggior consensi, questo si!
f) Tutti gli altri rimarranno in casa
manterranno la loro professione
daranno il loro onesto contributo
per migliorar la vita alle persone,
e lo stipendio solo quel sarà
E si farà politica soltanto
per amor della gente, non per altro!
Sono ingenua? È solo un'utopia?
Probabilmente si...
Ma il mio sogno lasciatelo così.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 02/11/2012 17:40
    FOSSE MEDITATA... TOCCHEREI IL CIELO CON UN DITO... SOLO IL MIO CONCORDARE E IL MIO LIDIA

12 commenti:

  • lidia filippi il 15/12/2012 21:04
    Grazie Aedo! Conserviamo almeno il sogno... Ciao
  • Aedo il 15/12/2012 19:35
    Bisogna conservare il sogno dell'utopia, anche se ormai lupi rapaci e il senso del profondo egoismo dominano la nostra società. Condivido in pieno le tue riflessioni. Brava!
  • Anonimo il 25/11/2012 13:21
    che bel sogno Lidia sono con te cara amica... bello il commento di Salvatore... un bacio e sempre brava...
  • lidia filippi il 02/11/2012 21:09
    Ti ringrazio moltissimo Paola cara! Forse anche questa è una piccola goccia nel mare... Un abbraccio
  • Paola Vigilante il 02/11/2012 21:06
    Un sogno stupendo, invertirebbe il corso degli eventi che da secoli si perpetuano e che nella società attuale hanno raggiunto misure sproporzionate. La corruzione, i privilegi si scontrano con la miseria e le difficoltà di arrivare a fine mese di molti e tutto ciò è triste e non ci fa onore. Ingiustizie e gestione dei propri interessi personali hanno preso il sopravvento e penso che con la propositività questo sogno potrebbe tramutarsi, magari a lunga scadenza, in realtà. Forse basterebbe solo iniziare a crederci, invece di restare seduti passivamente sulle nostre poltrone, iniziare ad agire e a prendere le redini della situazione con la partecipazione attiva e fiduciosa. Condivido pienamente questo tuo sogno Lidia, sarebbe bello divenisse un po' di tutti. Piaciutissima
  • lidia filippi il 02/11/2012 18:08
    Carissimo Salvatore, hai colto nel segno!!! È proprio questo il mio sentire, ciò che mi ha indotto a scrivere quanto ho scritto. E si continua a delegare anzichè agire. Chi ha già governato non lo potrà più fare e c'è bisogno di volti nuovi e di coscienze pulite.
    Grazie del gradito commento, ciao
  • Anonimo il 02/11/2012 17:47
    Un sogno ch'è la fotografia della realtà attuale. Il resto è solo un desiderio che accomuna moltissime persone oneste.
    Il fatto è, questa è la mia impressione, che una buona parte della gente non ha ancora acquisito coscienza della propria realtà politica e sociale. Perciò delega questi papponi a governare per loro, magari in cambio di diritti fatti passare per favori personali.
    La realtà, infatti, è che alle elezioni non cambia mai nulla, tranne il grido di scontento che si alza verso l'alto. E come mai, mi chiedo, si grida e non si cambia nulla?
  • lidia filippi il 02/11/2012 17:43
    Grazie di cuore Rocco! Siamo già in quattro! Sognamo forte tutti insieme, hai visto mai?
  • lidia filippi il 02/11/2012 17:31
    Carissima Grazia! Ti ringrazio del passaggio e del prezioso commento.
    Chissà, forse un giorno... Talvolta i sogni s'avverano
    Un bacione
  • lidia filippi il 02/11/2012 17:30
    Carissima Chira, temo anch'io: non saremo mai abbastanza a sognare la giustizia e un governo formato da persone che amano la gente...
    Grazie del graditissimo commento. Un abbraccio
  • Grazia Denaro il 02/11/2012 17:04
    È un'utopia, ma come sarebbe bello se tutto ciò si potesse avverare cara Lidia. Il problema è che non si vede via d'uscita. Apprezzata!
  • Anonimo il 02/11/2012 16:58
    Lasciami sognare con te, ogni immagine, nessuna esclusa. In questi versi tanta insoddisfazione, preoccupazione, delusione e la speranza è solo davvero un sogno che se fossimo in tanti potrebbe diventare realtà... Cara Lidia, non saremo mai abbastanza, purtroppo.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0