accedi   |   crea nuovo account

Sonetto novo

Giudicio date del mio sperimento
novella prova del talento mio
vogliate darmi almen per un momento
lettori, con le mani un po' di brio

E se v'aggraderà 'l componimento
cosa ch'è già da tempo il mio disio
v'avrò da far sì gran ringraziamento
con reverenza tal qual fost' Iddio

Se tamen l'adornata competenza
condanni la mia prova sanza speme
pregovi di non darmi sofferenza

Stimar la rima mia picciolo seme
sanz'acqua non riceve la sapienza
e l'esperienza che l'arbore tiene.

 

2
3 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 02/11/2012 22:16
    CORONA D'ALLORO CINTA SU LO CAPO "VATE" TI PROCLAMA...
    SONETTO DILIGENTEMENTE E STILISTICAMENTE COSTRUTTO...
    IL MIO
    JIM

3 commenti:

  • Andrea il 04/11/2012 16:43
    grazie mille per i complimenti Alessandro...
  • Alessandro il 03/11/2012 14:08
    Eleganza impeccabile, espressività vivida. Tanto di cappello.
  • Andrea il 02/11/2012 22:19
    grazie michele... l'italo istinto si fece Musa, la spinta patriottica mi ha guidato nella scelta del sonetto