accedi   |   crea nuovo account

Eppur tutti

Sento vicina lei genitrice
abbracciando il Cielo
mi ha lasciata in un freddo giorno d'inverno
per unirsi alla schiera degli Angeli.

Lui genitore una mattina d'estate
mi ha sussurrato
"tu aspetta".

La sorella tanto amata
per dialogare col suo Gesù
in terra il suo posto mi ha affidato.

E intanto ancora con gelide lacrime
presenti li sento
la mano mi tendono e colgo l'amore
per donarlo a chi in solitudine prosegue nel buio.

 

3
3 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 21/03/2013 14:17
    ... molto toccante la chiusa,
    ottimamente scritta
    complimenti...
  • Rocco Michele LETTINI il 03/11/2012 17:54
    DA UN CUORE IN LACRIME... UN PROFONDO E ADORABILE VERSEGGIO... LA MIA LODE MARIA

3 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0