PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Nel vecchio cimitero

Nel vecchio cimitero
vicino al mare
un vento caldo
scuote improvviso
le cime dei pini,
e scende veloce
sulle lapidi inclinate
e le tombe spaccate
dal tempo e dal sole
a leggere sibilando
nomi sbiaditi
incisi sotto volti antichi
e ormai dimenticati.


Ora
cigolano
cancelli arrugginiti,
scricchiolano
fiori finti e polverosi,
gemono
vecchi vasi rovesciati

Ora
turbinii fruscianti
di foglie secche
e nere torme
di mosche impaurite
e nuvole dense
di polvere grigia
si levano alte
sulle tombe cadenti,
come frotte di anime
inquiete e gementi

Ma ecco,
d'improvviso,
più niente si muove
allorché il vento
fugge lontano
a cercare vita altrove,
e tra i sepolcri
consunti dal sole
e le stradine deserte,
col monotono e triste
ronzio delle mosche,
ritorna l'osceno
odore di morte.

 

1
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • gianni castagneri il 12/03/2014 10:45
    direi bellissima! non sono d'accordo sul finale pero', che fa sembrare il cimitero un luogo unicamente triste!
  • stella luce il 04/11/2012 08:13
    bellissime immagini... versi molto sentiti...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0