PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Agli amici

il giorno in cui
ho deciso che doveva
morire, era l'alba
del mio risveglio.

Puoi immaginarla ancora
la gioia del risveglio?
La forza, la rabbia
la cattiveria di quei giorni?
Ci guardammo attorno
e in un attimo fu chiaro che
non eravamo soli;

in quel momento
fu quasi banale che
tutto fosse possibile.

oggi invece
mi è troppo difficile vivere.

Te la ricordi la gioia
del risveglio? quando tutto
acquista un senso...
e la cosa più entusiasmante
eravamo noi, mediocri
artefici onnipotenti,
forse miserabili,
il giorno in cui avevamo
deciso che tutto doveva
morire e rinascere
sotto la gioia
del nostro mattino.

Ingenui,
illusi
da un chimerico
per sempre,
che forse in troppi
non hanno voluto.

Divisi non siamo niente.
troppo amara è
l'inquieta solitudine
di chi non vuole più
svegliarsi.

Per la possibilità di
un mondo migliore.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Raffaele Arena il 05/01/2012 23:58
    Lungi dal me l'opera del recensore, vorrei ringraziarti per il tuo messaggio e per dirti che ho letto le tue poesie nonchè il tuo profilo tutto di un fiato. Nei tuoi testi si trova rabbia allo stato puro ma anche dolcezza. Mi hanno coinvolto di cuore. Grazie.

12 commenti:

  • Alessio il 31/01/2014 17:41
    secondo me è più un racconto che una poesia, ma apprezzo il contenuto che essa porta.
  • vincenzo aruta il 25/06/2011 10:02
    "Divisi non siamo niente". È proprio così. L'amicizia è il senso della vita.
  • max koln il 14/09/2008 18:05
    molto bella Grazie rebekka. sono felice che tu abbia letto e commentato la mia piccola postilla dal titolo maestro
  • Nicola Saracino il 11/09/2008 14:14
    La conclusione scontata rende ancora più bello il resto, è come un timbro di sincerità ingenua.
  • Mirko Zullo il 25/05/2008 21:33
    "Ingenui, illusi da un chimerico per sempre, che forse in troppi non hanno voluto". È davvero bella... Complimenti. Mirko.
  • celeste il 10/12/2007 22:08
    Troppo bella per un commento.
    Come la gioventù. Non si deve mai disperare ma tirare dritto e seguire l'istinto.
  • Egon il 09/12/2007 06:52
    bellissima, amici di speranza
  • giuliano paolini il 07/12/2007 09:22
    ai giovani come te un consiglio i giorni in cui forte e' l'energia e non si sa che fare non abbiate timore a viverla nel gioco nel sesso o in quant'altro
  • Claudio Amicucci il 23/07/2007 00:55
    Ho dovuto rileggerla per capire che è dedicata ad amici di non so che! forse studenti universitari. Nostalgia forse di tanti momenti passati insieme, sentendosi gruppo, e poi da soli "divisi non siamo niente". Forse. Comunque piacevole: Ciao Claudio
  • Diana Moretti il 22/07/2007 12:33
    sfuggente ma forse per questo piena di fascino.. A rileggersi. Dia
  • celeste il 21/07/2007 00:01
    Penso di avere capito il senso ma non da cosa è stato innescato.
  • Valerio Palma il 19/07/2007 23:36
    Malinconica... Usi tasti vicini al mio sentire...
    Vale

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0