username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Lontananze

Ricordi quella piazza
dalle case vecchie e cadenti,
dove mi portasti la prima volta,
dove mi raccontasti storie favolose
ma trasportate dalla mente malata?

Ricordi quando mi trascinasti
nella tua camera più intima,
piena dei tuoi affetti più cari,
dove ti mettesti a piangere,
delusa da un amore rifiutato?

Ricordi questa strada assolata,
dove ci incamminammo mano nella mano,
convinti di questo amore
che avrebbe potuto unire?
Le strade ci hanno divisi,
teneramente mi hai detto di no.

Queste sono storie di amori infelici,
amori che hanno illuso e poi ferito,
ferite ancora aperte che continuano a bruciare.

 

2
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Anonimo il 06/06/2013 00:07
    Una storia dei cuori infranti. Mi coinvolge ricordando le sofferenze del mio primo amore, a Carloforte, in Sardegna.
    Un tenero bacio e poi la sua partenza. Fu comunque un'ispirazione musicale.
  • Ellebi il 10/11/2012 19:49
    Acuta, ma quieta sofferenza, è quella che descrivi, magnificamente bisogna dire, perchè anche il soffrire ha il suoi splendori. Complimenti e saluti.
  • Alessandro il 06/11/2012 14:03
    Ricordi dolorosi, incisi sulla pelle, che non si decidono a rimarginarsi. Amori abortiti che preferiscono continuare a colpirci senza pietà. Piaciutissima
  • Rocco Michele LETTINI il 04/11/2012 14:42
    FERITE CHE MAI SARANNO RIMARGINATE... DECANTATE IN UN PROFONDO VERSEGGIO... IL MIO ELOGIO PASQUALE... CIAO

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0