accedi   |   crea nuovo account

2 novembre 2012

Mi accolgono i cipressi alti del viale
con le cime verdi nel cielo grigio di novembre;
nuvole cariche di pioggia minacciano tempesta,
uomini e donne sostano in silenzio
davanti a loculi di marmo con scritte e foto,
uniche vestigia di vite un tempo palpitanti.

Fiori colorati e lumini accesi in quantità
su tombe fresche di persone ancora vive
nel ricordo di chi le ha amate;
un senso di abbandono e di tristezza
su altre spoglie di ogni orpello e vanità
a ricordare a tutti il nostro vano rincorrere chimere.

A cosa serve la nostra ricerca di ricchezze e onori,
a cosa serve il nostro affaccendarsi a consumare giorni
nell'odio e nel disprezzo, nella rabbia e nel rancore,
se poi, spogliati di ogni inutile emblema di ricchezza,
ritorniamo nudi come siamo nati a dormire un lungo sonno
dal quale non c'è più risveglio e non ci sono sogni.

Abbiamo una vita per amare,
per regalare agli altri
sorrisi, mani a cui aggrapparsi
e abbracci per scaldare il cuore,
ma spesso preferiamo sputare in faccia
e vomitare veleno addosso a chi
ci sta d'intorno in questa breve vita.
Amare e non odiare in questa vita
è il solo modo per rimanere
nel ricordo di chi resta
mentre noi dormiamo il sonno eterno,
e se ogni tanto ci venisse in mente
un marmo freddo senza fiori,
lacrime e parole d'amore sussurrate
forse smetteremmo di calpestare corpi e anime
e daremmo un po' del nostro cuore
ogni giorno della nostra vita
a chi piange, a chi soffre,
a chi si dispera, a chi non ha speranza.

 

4
2 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 06/01/2014 02:08
    Molto apprezzata, complimenti
  • Rocco Michele LETTINI il 06/11/2012 19:13
    UN PARLARE DIVINO IL TUO... MESSAGGIO DA RECEPIRE... IL MIO ELOGIO VINCENZO...

2 commenti:

  • loretta margherita citarei il 06/11/2012 17:53
    intensa piena di significato bravo
  • Alessandro il 06/11/2012 13:36
    Atmosfera di riflessione sui doni che l'uomo spreca, preferendo l'egoismo alla condivisione, anche sentimentale.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0