username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Achille

Veloce si sparse la ferale notizia dal vento spinta,
e nel belligerante campo s'ebbe gran sussulto,
alte s'alzarono l'urla e cieca esplose l'ira,
sgomento e muto restò l'Olimpo.
Achille dalla acuminata freccia offeso,
lanciò per il dolore il lacerante grido,
maledicendo di Teti le bianche dita,
le quali al tallone lasciarono il fatale segno,
così sancendone il mortal destino.
Volse lo sguardo verso gli Dei la bella ninfa,
gli occhi avea di fuoco e grintoso il viso,
e sconvolta lanciò con forza l'urlo suo impazzito:
"Fate voi tutti oh Dei, che mio figlio raccolga le sue membra,
e che Paride non nè faccia impietoso scempio,
come Achille nè fece d'Ettore, trascinandolo al suo carro."
Silenti l'alte mura, con pietà osservarono di Teti il materno strazio,
mentre Paride al cielo tendeva il poderoso braccio.
Dell'Iliade remmento con tristezza il detto canto,
mentre nella memoria si spengono le torce al campo,
ove si attenuano l'urla, i lamenti, e il pianto,
e delle armi il loro clangor violento.

 

4
5 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 07/11/2012 08:56
    UNA LIBERA DECANTAZIONE DE L'ACHILLE OMERICO DILIGENTEMENTE COSTRUTTA... IL MIO ELOGIO BRUNO... SERENA GIORNATA...

5 commenti:

  • Anonimo il 08/11/2012 15:48
    Qui si va sul classico... e noi, poveri mortali, altro non possiamo fare che ammirare stupiti ed applaudire, applaudire...
  • Anonimo il 07/11/2012 19:17
    capitano... sei eccezionale... una lirica che solo tu potevi scrivere... in modo magistrale... grande capitano... bacione
  • loretta margherita citarei il 07/11/2012 15:05
    molto bella, dall'iliade classica ad una rivisitazione moderna, applausi
  • Alessandro il 07/11/2012 12:00
    Come coniugare l'epicità del mito con uno stile moderno e scorrevole. Complimenti
  • Ellebi il 07/11/2012 10:15
    È davvero molto bello questo racconto poetico, nello stile di altre tue composizioni. Cordiali saluti.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0