PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Evasione in sorsi

Rifugio tra i banchi
d'osterie fumanti
di risa infelici,
bicchieri ricolmi
di viaggi in fermento
dai colori sgargianti.

La corsa nel buio
lungo i tornanti,
senza più il senso
di ciò che conta,
di ciò che resta;
gioco da infanti.

Ingenua pretesa
di risanare
l'illusion lesa.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

7 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Salvatore Masullo il 06/07/2013 17:36
    Bellissimo messaggio verso chi vorrebbe affogare le sue delusioni o sofferenze patite in modo non accettabile. Bella la chiusa, incisiva e ad effetto!
  • Anonimo il 08/11/2012 12:58
    Una poesia molto incisiva nell'esposizione di amare verità celate dietro a manifestazioni sociali inascoltate e vuote degli stessi valori che dovrebbero comporre l'esistenza di ciascun essere umano. Un urlo di denuncia del malessere interiore dell'uomo, efficacemente ben reso dai versi dell'autore. Sinceri complimenti!
  • Anonimo il 08/11/2012 09:46
    Ottima riflessione, davvero. Hai colto ciò che di più triste c'è nella realtà che ci circonda. Le risa infelici, la corsa nel buio verso chissà quali mete. Questa poesia lascia una sensazione di smaltimento, che sicuramente è diffusa tra la gente.
    Complimenti, ci vogliono scrittori come te, che smuovino le coscienze. Saluti da USC
  • Marina Duccillo il 08/11/2012 05:12
    riflessione e spunto di riflessione, profondità di contenuto, creazione originale della fantasia e del sapiente uso di un linguaggio scelto e ben strutturato, stupenda capacità di sintesi che riesce a caricare ogni parola e ogni verso di una straordinaria densità di significato (es."ingenua pretesa", aspetti sui quali si basa la proprietà emotiva di una mirabile lirica; il tutto potenziato dal ritmo della rima. Valutazione personale: il massimo dei voti.
  • silvia leuzzi il 07/11/2012 16:12
    Dopo tanto peregrinar tra versi non versati, ecco approdare in un fondo di cerchi concentrici qual'è la tua lirica. Una liquida descrizione di uno stato emotivo che ci afferra a volte. I primi sei versi servono a portare il lettore dentro la scena poetica. Noi tutti tendiamo a rifugiarci sotto banchi ebbri, fuggiamo, in viaggi mentali a volte dannosi, la nostra realtà. Questa è la premessa del messaggio. Noi insieme al poeta ci perdiamo alfine " tra le tornanti di fuga " e perdiamo il senso di ciò che conta. Grande lezione morale della poesia sulla perdita di ogni equilibrio. Il poeta, vate per eccellenza, ci narra chi siamo e cosa vogliamo essere. Amara la conclusione, perchè davanti ai nostri occhi non rimane che:
    Ingenua pretesa
    di risanare
    l'illusion lesa.
    Alessandro scrive delle belle poesie ricche di messaggi umani e morali.. forse ho sbagliato interpretazione ma questo mi ha suscitato la tua lirica
  • Don Pompeo Mongiello il 07/11/2012 14:55
    Una fantasia senza confini, mostrata con grazia e diligenza. Complimenti!
  • Rocco Michele LETTINI il 07/11/2012 12:22
    UN MARCHIO ELOQUENTE LA TUA TERZINA DI CHIUSA... LIBERA CONSIDERAZIONE DI VERITATE VESTITA... IL MIO ELOGIO ALESSANDRO...

10 commenti:

  • orlando di giorgio il 22/11/2012 09:41
    L'illusione perenne di questa vita che ci beffa a volte... bravo complimenti!
  • Francesca La Torre il 14/11/2012 07:18
    Una bellissima poesia, questa e' un da quelle che piacciono a me, semplice e profonda allo stesso tempo. Complimenti.
  • vania antenucci il 08/11/2012 16:22
    Ciao Alessandro scrivi molto bene piaciuta molto, sei responsabile e in teligente al pensiero di quello che che fai complimenti
  • stella luce il 08/11/2012 06:57
    mi ha rapita la lettura... anche se il tema trattato è molto intenso... si ci illude di potere dimenticare ciò che ci fa male, ma... tutto ritorna e non serve molto il resto...
  • Anonimo il 07/11/2012 20:02
    lirica che porta a riflessione ottima stesura bella nel contenuto... bravo ale...
  • Grazia Denaro il 07/11/2012 19:56
    Altre illusioni a sanare illusioni che non hanno dato riscontro concreto, Bel testo, apprezzato, complimenti Alessandro!
  • loretta margherita citarei il 07/11/2012 19:23
    un gran bel testo applausi
  • Ugo Mastrogiovanni il 07/11/2012 18:06
    L'illusione è il motivo che impegna tutta l'anima di questa poesia. Divagando, il poeta cerca invano di non pensarci e ha ragione. Spesso ci facciamo un'opinione inesatta, troppo ottimistica o favorevole di ciò che poi si rivela non meritare il nostro interesse.
  • Anonimo il 07/11/2012 16:34
    Sì, non si curano le illusioni con altre illusioni! Pensiero profondo ed utilissimo, che le immagini usate scolpiscono.
  • karmaluna il 07/11/2012 13:18
    sorseggiar evasioni... ingenua illusione
    piaciuta molto

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0