accedi   |   crea nuovo account

Nuda arroganza

Passeggiando, se li trovi,
ti tirano i capelli
degli astiosi e secchi rovi
gli aculei saputelli.

Chiudi gli occhi e non temere:
quando sarà tempesta
del tepor potrai godere
di un'amicizia onesta.

Il vanesio ha triste sorte
col naso sempre al cielo:
lo raggiunge con la morte
di quel suo stesso gelo.

Freddi cori un po' svampiti
di spettri supponenti,
epitaffi scoloriti
di lapidi saccenti.


Il saggio veste di un'emozione
che brilla forte d'ogni colore.
Chi veste solo d'erudizione,
uscendo, rischia un bel raffreddore.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 31/05/2013 13:41
    Bellissima lirica meritevole di elogio!
  • Don Pompeo Mongiello il 11/11/2012 13:22
    Una serie di quartine ottimamente rimate e dal dolcissimo contenuto. Complimenti!
  • silvia leuzzi il 08/11/2012 22:22
    Grande Ale sei riuscito ad essere leggero su un tema pesante senza peraltro scadere in quel verseggiare sciatto e patetico. Ciao a rileggerci
  • Rocco Michele LETTINI il 08/11/2012 19:04
    Acuti di un animo sofferente marasmi ignobili... da virus malefici del "credersi chi"?
    TUTTO IL MIO ELOGIO ALESSANDRO... SAGGIO VERSSEGGIO...

10 commenti:

  • Noir Santiago il 29/08/2013 10:39
    Molto belli i contenuti e lo stile.
  • Dafne il 18/11/2012 16:45
    Le spine di un cactus cadono al primo acquazzone...
    Eppure, nei deserti percorsi è necessario nutrirsi di essi per sopravvivere.
  • vincent corbo il 14/11/2012 07:53
    Molto musicale e scorrevole. Uno stile lineare che conquista alla prima lettura.
  • Francesca La Torre il 14/11/2012 07:30
    Bravissimo, per aver colto concetti verissimi e averli espressi poeticamente in modo eccellente bellissima la chusa.
  • augusto villa il 13/11/2012 13:45
    Un buon contenuto... in una poesia musicale e scorrevole.
    Una bella poesia! Bravissimo! -
  • Anonimo il 11/11/2012 13:33
    Un magnifico testo che emana la luce propria nel dipanare lo stato d'animo dell'autore sul tema trattato. Riflessioni molto malinconiche e veritiere, donano profondità all'intero contenuto emlematico della pubblicazione. Buon week-end da un poeta-amico, carissimo collega di poesia.
  • Teresa Tripodi il 09/11/2012 18:23
    ottima pungente come un riccio... possiede forma e stile... un contenuto forte sei stato capace di dar la forma che desiderarvi...
  • mauri huis il 09/11/2012 16:52
    Pungente come l'aculeo di un secco rovo. Abbasso i saputelli e crepino gli ignorantoni. Il mondo a noi, giovani, moderatamente colti e soprattutto belli. Augh, Ale!
  • loretta margherita citarei il 08/11/2012 19:24
    belle riflessioni condivisa complimenti
  • Grazia Denaro il 08/11/2012 16:41
    Notevole lirica scritta con versi scorrevoli, apprezzata!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0