PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Solitudo

Luci spente, notte, nessuno sente, nessuno vede.
Il nero vuoto invita ad amare l'anima ormai nuda.
Esplorarne i confini spigolosi e morbidi,
ascoltarne il silenzioso battito insopportabile,
odorarne il profumo stantio nelle ore lente.

Oh, quanto vorrei allungare la mano stanca e timorosa,
a stradicare le paure sanguinanti dal cuore indolente:
lasciarle scivolare, lentamente, tra dita sporche,
pizzicarne, con i polpastrelli, la rugosa pelle bambina,
constatare l'assoluta fragilità, l'Immagine e Somiglianza

e infine, lasciarle sbocciare, una a una, nel sorriso del passato.

 

3
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 10/11/2012 05:07
    UN SENTIMENTO DI PUREZZA... NE L'HANDICAP DI UNA NOTTE SOLINGA... MIRABILMENTE EFFUSO...
    IL MIO ELOGIO ANTONIO... SERENA GIORNATA...

1 commenti:

  • stella luce il 12/11/2012 12:07
    la notte porta alla ricerca della propria anima... versi molto intensi...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0