accedi   |   crea nuovo account

Uno sfondo adatto ad ogni storia

È sera,

Il cielo si chiude con un sipario di nuvole.
Un portone scuro a tenere fuori le stelle ed i pianeti viaggiatori.
Anche una Luna crucciata si nasconde al teatro del mondo
un piccolo grido prolungato di luce
E il suono del mare.
Quel mare. Là sotto.
E poi altro mare sulla distesa azzurra, a perdita d'occhio.
Forse un po' più basso.
A scoprire gli stinchi degli scogli.
A far respirare le coste deserte.
Un lampo lontano
sotto una riga di pioggia.
ed il sospiro del vento come un'impronta carezzevole.
Mi scaldava dolcemente le guance e la fronte.
Un guanto di dorato tepore.
Sembrava quasi avere un gusto, un sapore.
Mais? Pane caldo?
Burro?
Così si sarebbe potuto stare una vita
e potendo, anche una vita dopo.
E magari la vita dopo sarà tutta così.
Pensavo a come sarebbe stato bello
darsi davvero un abbraccio per rigenerarsi.
Spalmarsi di quello splendore di cose modeste.
Nutrirsi di quel semplice poco.

Ho aperto la finestra per fiutare l'aria di fuori.
tra le maglie larghe
s'infila un alito arricciato di freddo.

Una serata tanto larga
da provar soggezione.
Una nuvola di polvere
volava sulle ali avviluppate del vento.
Si allungava, si ricompattava,
mutava forma.
Come i pesci muti sott'acqua.
E nell'apnea dell'universo
si manifestava il prodigio.
Il miracolo del silenzio.

Le luci attaccano il turno di notte.
Un po' alla volta, si danno al lavoro.
incollate sulla linea dell'orizzonte.
L'odore di asciutto riporta a una notte perduta.
Come altre mille notti
a dare fuoco al tempo
quando non vedevamo l'ora di crescere

12

1
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 11/11/2012 14:10
    una poesia davero ricca, capace di coinvolgere, con un velo di tristezza, e far sentir vivi tutti i sensi!
  • Alessandro il 11/11/2012 12:54
    Complessità immensa per una pioggia di pensieri, che si ricollegano a ricordi lontani, creduti perduti. Piaciuti particolarmente i versi "a dare fuoco al tempo / quando non vedevamo l'ora di crescere". Complimenti

1 commenti:

  • augusta il 11/11/2012 12:21
    letta senza fermarmi un attimo mi piace...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0