accedi   |   crea nuovo account

Eppure

Eppure, stanotte
la mente trapassa
un pensiero.

Luce sussegue lampo
Incide un nome scolpendo.
Graffia, lima sul mio cuore.

Invento parole
ormai dimenticate
Verità nascoste ormai conosco.

Entro in questo labirinto
ho timore di smarrirmi
Ritorno sui miei passi.

 

2
8 commenti     4 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Nicola Lo Conte il 26/04/2013 16:08
    I ricordi che riaffiorano a volte feriscono il cuore.
  • Anonimo il 13/11/2012 11:48
    Un testo introspettivo molto significativo e profondo. Belle descrizioni, accompagnate da metafore davvero suggestive, completano il valore della pubblicazione. Buona giornata!
  • Paola Vigilante il 11/11/2012 19:01
    La notte con la sua atmosfera fa riaffiorare ricordi di situazioni, persone che sembravano dimenticate. Seguendo il filo dei pensieri si rischia di perdersi nel labirinto che si viene a creare nel cercar di rivivere parole dimenticate e verità conosciute. La forza è nell'accorgersene e uscire in tempo dal labirinto. Una profonda riflessione, veramente apprezzata, ciao Dora
  • Alessandro il 11/11/2012 16:21
    Notte di pensieri, di oscuri timori. Nel labirinto del dormiveglia che ci costringe a riflettere, senza tregua. Davvero bella

8 commenti:

  • 7q il 21/11/2012 16:28
    Poesia molto ben scandita nelle sue 4 strofe da 3 versi ciasuna. Molto significativi secondo e terzo verso che potrebbero rappresentare l'andamento di tutta la poesia. La seconda strofa è senza dubbio la più suggestiva, ma forse io avrei eliminato la ripetizione insita in ognuno dei tre versi: luce-lampo, incide-scolpendo, graffia-lima. Secondo me sarebba ancora più suggestiva se concentrassi tutta la potenza di queste tre immagini eliminando le ripetizioni. potrebbe essere qualcosa tipo:
    lampo sussegue
    incide un nome
    graffia il cuore.
    Sostituirei anche uno dei due "ormai" della terza strofa, un po troppo vicini forse.
    Belli gli ultimi tre versi. Evocativi, rendono bene l'idea. Forse trasformerei "ho timore" in "temo" ed eliminerei il ri di "ritorno" in modo da scandire meglio iil susseguirsi delle sensazioni/azion:
    Entro...
    temo...
    torno...

    Ignora pure tutto quello che ho detto se vuoi, la poesia comunque è già bella così!
  • Dora Forino il 14/11/2012 13:26
    Un grazie sentito a te Arcangelo, sono contenta che ti sa piaciuta.
  • Dora Forino il 13/11/2012 09:15
    Cara Paola, hai ben focalizzato i miei versi nella luce giusta...
    Ti ringrazio di cuore, con stima ed amicizia!
  • Dora Forino il 13/11/2012 09:12
    Cara Loretta, grazie del tuo gradimento. Con affetto.
  • Gianni Spadavecchia il 12/11/2012 15:49
    Versi confusi nella mente dell'autrice.. piaciuti!
  • loretta margherita citarei il 11/11/2012 19:14
    a volte è necessario nn aprire alcune finestre della memoria, apprezzatissima
  • Dora Forino il 11/11/2012 16:51
    Buon pomeriggio Alessandro, ti ringrazio vivamente del tuo gradimento. Ciao!
  • Antonio Garganese il 11/11/2012 16:48
    La notte e i suoi pensieri si soffermano su un nome e i ricordi vanno liberi ma, per timore di perdersi, ci si ferma al momento giusto.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0