PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

I vecchi e i giovani

le vetuste querce
scuotendo le chiome
sputano ghiande,
amare sentenze,
sui piccoli alberi dalle
tenere chiome
spesso scosse da impetuosi venti.

Oramai dimentichi della loro
incosciente giovinezza,
non ricordano che la saggezza
è frutto dell'esperienza
e che ci vuole tempo, pazienza
ed amore affinchè il giovane
albero irrobustisca la corteccia.

 

2
2 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • laila il 20/11/2012 20:10
    brava la vita dell'albero e' come quella dell'uomo dopo la fertilita'di offrire a mano a mano perde lo smalto e invecchia
  • franco buniotto il 11/11/2012 23:10
    Per le tenere querce sarà ancora più difficile perchè il terreno non è più lo stesso. Bella e saggia loretta. ***** Franco

2 commenti:

  • Grazia Denaro il 11/11/2012 19:57
    Una bella metafora, la saggezza e la pacatezza si acquistano con l'erà, piaciuta!
  • Alessandro il 11/11/2012 16:21
    Contrasti generazionali utilizzando gli alberi come metafora. Davvero azzeccata.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0