PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Creature

Si perde la mente a contare
tanti i millenni dalla prima
umana creatura nell'eden
e doveva esser bellissima
piaciuta tanto al Creatore.

Miliardi di copie da allora
discese dalla coppia originale
da cui hanno preso superbia
ognuna sè dicente migliore
e intanto inquinando la terra.

Taluna del pericolo accorta
perduto il paradiso rimpiange
depreca l'imprevidenza un'altra
nessuna s'accusa colpevole
nel mentre il mondo sprofonda.

 

3
3 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 12/11/2012 18:24
    UNA DISCENDENZA DA CORREGGERE?
    LIBERA INTERPRETAZIONE DILIGENTEMENTE ENUNCIATA... IL MIO ELOGIO MICHELE...

3 commenti:

  • Grazia Denaro il 12/11/2012 23:54
    Nessuno si ritiene colpevole, ognuno accusa l'altro, bella metafora!
  • Alessandro il 12/11/2012 18:20
    Miliardi di copie che rimpiangono il paradiso, tra reciproche accuse. Immensa.
  • Michele Prenna il 12/11/2012 17:46
    Brutto quel tempo che rende precario il futuro...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0