accedi   |   crea nuovo account

Il bauletto

Gli avessi fatto torto,
ma il foro curvo e sbieco,
da un bauletto antico
di legno consumato
pulito e verniciato,
mi guardava storto.
L'esaminai attento:
coperchio con maniglia
chiusura di lamiera
cerniera per lucchetto
in ferro ormai brunito,
ancor di buon aspetto
pur se arrugginito.
Dentro, un indumento
di foggia militare:
di storia un documento.
Mi lasciai spiegare
e mi sentii turbato
saper di quel soldato
che fu lo zio Giovanni
tornato dalla guerra,
fra poco son cent'anni,
scampato alla morte
dalla cassetta in legno,
corazza lì per sorte.
Così quel bauletto
veniva conservato
a lode del suo impegno
e in segno di rispetto
per aver salvato
la vita d'un soldato:
del caro zio Giovanni;
tra poco son cent'anni.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

6 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Maurizio Cortese il 09/03/2013 14:29
    Poesia che si dipana con un crescendo, appena percettibile, di curiosità e rimpianto, per un mondo che non c'è più, per uomini che non ci sono più.
  • Anonimo il 05/12/2012 15:19
    Un'opera poetica davvero singolare nello sviluppo di un racconto su di un BAULETTO che trasmette valori importanti all'autore, per il significato metaforico e reale, egregiamente descritti. Sinceri complimenti, Ugo ; bravo come sempre.
  • Raffaele Arena il 24/11/2012 19:00
    Ogni oggetto ha la sua storia, e questa storia è ben descritta in questa poesia. Complimenti Ugo!!!
  • Don Pompeo Mongiello il 14/11/2012 13:38
    Il solito poetare d'altri tempi che rende onore e gloria a questo sito.
  • Anonimo il 13/11/2012 22:14
    Un oggetto, probabilmente di poco conto, ma di valore inestimabile per colui che lo ha posseduto. Un muto testimone d'un vissuto che diventa momento di profonda riflessione.
    Lo scrigno, infatti, non è soltanto un tramite tra vecchio e nuovo, tra passato e presente; non è soltanto un elemento di rievocazione umana, ma diventa un elemento "vivo", di rispetto e di meditazione personale, attraverso l'esperienza dell'uomo "Giovanni", che sicuramente si sarà interrogato sul significato di quel fatto accadutogli.
    Una domanda che ha avuto per risposta la vita e che si è, certamente, differenziata da tante altre domande a cui, quella stessa guerra, ha dato soltanto risposte di morte.
    Una poesia scritta con l'armonia soave della scorrevolezza, ma con la profondità d'animo che contraddistingue l'autore.
  • Rocco Michele LETTINI il 13/11/2012 09:19
    ONORE AL MERITO... ET AUGURI PER ISUOI CENT'ANNI...
    LODEVOLE VERSEGGIO UGO... IL MIO ELOGIO E LA MIA BUONA GIORNATA...

11 commenti:

  • PIERO il 16/12/2012 06:19
    Ha molte storie da raccontare, questo bauletto, non soltanto quella della sua funzione come "giubbotto antiproiettile": ma non mi spiego perché "ti guardava storto".
  • augusto villa il 14/12/2012 08:19
    Davvero un bel componimento!... Delicatissimo... Complimenti per le rime.
    Un bauletto... una miriade di emozioni... ricordi...
    Dice bene Rocco: Lodevole verseggio!
  • salvo ragonesi il 05/12/2012 16:35
    dalla poesia si capisce che quel bauletto ha fatto da scudo al corpo dello zio salvandolo da morte sicura. molto bella credo che non tutti l'avevamo capito bene. ciao salvo
  • salvo ragonesi il 27/11/2012 18:59
    bella poesia che evoca ricordi lontanidi grande eroismo e sacrifici. ciao salvo
  • Anonimo il 24/11/2012 12:02
    ha ragione Don un poetare meraviglioso... qualsiasi spunto è buono, anche un bauletto, pieno di bei ricordi, per realizzare quando c'è preparazione una lirica come questa un inchino ugo con stima carla
  • Anonimo il 17/11/2012 20:06
    Un prezioso bauletto che ha risvegliato in lei i ricordi del suo caro zio Giovanni... che oggi compierebbe cent'anni.
    Una dura guerra per l'amata Italia, che costò tante vite umane... chissà se oggi, quelle persone, sarebbero state contente di averlo fatto.
    Bella poesia. Bravo Ugo!
  • Alessandro il 14/11/2012 00:02
    Un ritrovamento prezioso in un bauletto polveroso, che risveglia ricordi lontani. Ottima
  • Ellebi il 13/11/2012 12:29
    Molto più che buona questa poesia. Il suo fascino deriva forse dalla rievocazione, tramite il bauletto, di tempi che furono eroici e che si stanno perdendo nell'oblio. Un saluto.
  • laura il 13/11/2012 09:58
    un ricordo che arriva dritto al cuore! la guerra con i suoi soldati, il loro valore... i ricordi dei caduti per la patria e per salvare un compagno! bellissima questa poesia che ricorda un uomo e ilo suo merito! complimenti
  • Teresa Tripodi il 13/11/2012 09:51
    come uno scrigno di storia, passato che narra... un racconto magari ancora l'odore di quel che un tempo è stato...
  • loretta margherita citarei il 13/11/2012 07:47
    un'ottima poesia, commuovono i ricordi di gente che ha fatto la guerra, complimenti ugo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0